19 Stati americani contro Microsoft

Network

Sempre più determinati i 19 Stati americani per la

lotta contro il gigante americano

Continua la battaglia legale dei 19 Stati americani che recentemente hanno accusato il colosso americano di attività monopolistiche.Speriamo che il nuovo governo americano non intervenga in questo delicato affare.In qualsiasi caso andremo fino in fondo, ha affermato Tom Miller, procuratore generale dellIowa. Dopo la vittoria Georges W. Bush si è dimostrato entusiasta per i cambiamenti dellindustria hi tech. Lawrence Lindsey, responsabile e-business, aveva dichiarato, lo scorso agosto, riferendosi esplicitamente al caso Microsoft che il nuovo governo diretto da Bush, sarebbe stato poco favorevole a rispettare il settore privato e il bisogno dinnovazione;. Al contrario i due rappresentanti del governo Clinton Joel Klein, ex procuratore generale del Ministero della giustizia, Doj, e lavvocato Davis Boies dovrebbero abbandonare, in questo processo, le loro funzioni perché hanno sostenuto Al Gore prima del risultato definitivo dellelezione presidenziale americana. Il caso Microsoft, al momento, è sospeso alla decisione della corte dappello del Distretto di Colombia che raccoglie le accuse dei due partiti. Il processo riprenderà a febbraio e il verdetto finale avverrà in primavera.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore