220mila dollari di multa per 24 Mp3

CyberwarSicurezza

Il verdetto finale di una vicenda giudiziaria iniziata quattro anni fa

L’ondata di azioni di risarcimento danni scatenata nel 2003 dalla Riaa (Recording Industry Association of America) aveva colpito anche la Signora Jammie Thomas. Mentre tantissimi avevano raggiunto accordi stragiudiziali per circa quattro mila dollari, Thomas aveva deciso, invece, di andare avanti in giudizio.

La giuria, pero’, non e’ stata affatto clemente verso la signora che ha scaricato da un programma di file-sharing solo 24 canzoni. Il risarcimento e’ stato quantificato in 9.250 dollari a brano, per un totale di ben 220.000 dollari.

La sentenza da’ forza a tutte le societa’ di gestione dei diritti d’autore, poiche’ ha stabilito l’importante precedente della ininfluenza della condivisione. Thomas, infatti, non aveva fatto altro che scaricare gli Mp3, ma gli inquirenti non avevano prova di una sua successiva condivisione. [ StudioCelentano.it ]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore