Il 4G di Vodafone Italia coprirà il 90% degli italiani entro il 2016

4gMarketingMobilityNetworkProvider e servizi Internet
Tiscali e Huawei, accordo LTE 4.5 da 40 milioni di euro
1 4 Non ci sono commenti

Il 4G di Vodafone copre cento nuovi Comuni ogni mese. Vodafone punta alla copertura del 90% della popolazione entro il 2016

Vodafone Italia rafforza la propria rete con un piano per portare la banda ultra-larga mobile a tutti. A partire da giugno, Vodafone Italia ha annunciato che LTE avanzerà lungo la Penisola a passo spedito: cento nuovi comuni verranno raggiunti dalla tecnologia 4G ogni mese. Vodafone punta alla copertura del 90% della popolazione entro il 2016. Merito degli investimenti da 3,6 miliardi previsti con il piano Spring.

In Italia Vodafone ha in programma di investire 3,6 miliardi di euro fino al 2016 per raddoppiare la copertura della rete 3G, e triplicare quella della rete LTE e dei servizi in fibra.

Vodafone, secondo operatore mobile al mondo, investirà 30 miliardi di dollari a livello mondiale per scalare il mercato Tlc, arrivando a detenere il 24% di market share. Il gruppo guodato dal Ceo Vittorio Colao sta incassando 130 miliardi di dollari dall’uscita da Verizon Wireless. Vodafone sta già investendo 11.3 miliardi di dollari nell’upgrade al 4G entro marzo 2016.

 

Vodafone Italia copre 100 nuovi comuni 4G ogni mese
Vodafone Italia copre 100 nuovi comuni 4G ogni mese

Vodafone, secondo operatore mobile al mondo, sta sperimentando il Super 4G a Napoli. Napoli Vodafone sta testando LTE Advanced, la tecnologia Super 4G che promette di impiegare solo 30 secondi per il download di un file da 1 Gbyte alla velocità di 250 Mbit/s. Il test di Napoli non deve però illuderci: i primi dispositivi compatibili non saranno disponibili prima del 2015, e l’esperimento è stato condotto su un modem ad hoc.

Da una recente ricerca condotta da Vodafone, risulta che priorità delle PMI sono gli investimenti nel Mobile: in smartphone e servizi 4G (Lte). L’80% delle aziende prese in esame è ormai convinta che la propria impresa sia sulla via della crescita, e gli incrementi verranno registrati nell’arco di due anni. L’88% delle PMI europee ha tratto benefici da investimenti per ottimizzare il servizio al cliente: una percentuale in crescita delle PMI europee stima di aumentare l’utilizzo di cloud storage in futuro, adottando servizi cloud impostati a balzare dal 44% delle PMI in Europa al 60% nel corso dei prossimi dodici mesi.

Sono trascorsi quasi 3 anni dall’assegnazione delle frequenze per l’uso dell’LTE, che prometteva internet mobile ad alta velocità, streaming in alta definizione e tutto un ecosistema di nuovi servizi di valore aggiunto. La copertura di LTE in Italia saliva al 30% nell’agosto 2013. Attualmente (dati aprile 2014) TIM raggiunge un livello di copertura con oltre 651 comuni pari ad oltre il 50% della popolazione, ma punta all’80% di copertura entro il 2016. Vodafone, in possesso delle frequenze da 800, 1800 e 2600 MHz, oggi medaglia d’argento, scommette sulla medagli d’oro: l’obiettivo è la copertura del 90% della popolazione entro il 2016. Al terzo e quarto posto si piazzano 3 Italia e Wind, rispettivamente (ma trattative sarebbero in corso per una loro fusione).

I prezzi? Non sono economici, ma negli ultimi mesi si sono abbassati. TIM offre l’accesso alla rete LTE a 5 euro al mese, ma senza traffico aggiuntivo. Vodafone per 10 euro offre anche 2 GB extra di traffico.

– Conoscete la trentennale Storia di Vodafone? Mettetevi alla prova con un Quiz!

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore