A F8 Facebook sfida i colli di bottiglia della Rete con Aries e Terragraph

NetworkReti e infrastrutture
A F8 Facebook sfida i colli di bottiglia della Rete con Aries e Terragraph
1 1 Non ci sono commenti

Il social network svela i progetti Terragraph ed Aries, per velocizzare l’accesso a Internet in città e diffondere la Rete nelle aree rurali. Le novità sulla connettività a F8.Entra in Facebook Regina Dugan, ex Google, per guidare l’R&D hardware

Alla conferenza sviluppatori F8, davanti a 2.600 developer, Facebook non ha parlato solo di bot intelligenti, per entrare nel mercato e-commerce, realtà virtuale, ma anche di connettività: l’obiettivo del social network è sfidare i colli di bottiglia della Rete, con i progetti Terragraph ed Aries.

A F8 Facebook sfida i colli di bottiglia della Rete con Aries e Terragraph
A F8 Facebook sfida i colli di bottiglia della Rete con Aries e Terragraph

Facebook vuole velocizzare l’accesso a Internet in città e diffonderlo nelle aree rurali. L’iniziativa Terragraph consiste nel montare antenne sui lampioni. Terragraph utilizza onde radio ad alta frequenza per velocizzare le reti dove c’è elevata densità di popolazione. Aries punta a sostituire i lenti servizi dati wireless, che oggi dominano nelle aree rurali o più povere, con comunicazioni a più lungo raggio. Per fare ciò, Facebook si affiderà a Internet service provider (Isp) ed operatori  mobili. Jay Parikh, vice presidente di  engineering presso Facebook, vuole rendere le reti 10 volte più veloci e 10 volte più economiche.

A F8 Facebook sfida i colli di bottiglia della Rete con Aries e Terragraph
A F8 Facebook sfida i colli di bottiglia della Rete con Aries e Terragraph

Secondo ABI Research, i network mobili che rimpiazzeranno quelli attuali rappresentano un business da 247 miliardi di dollari nel 2025.

L’ambizione di Facebook di offrire accesso universale a Internet si concretizza nel drone Aquila, sviluppato con Boeing 737, per connettere località remote, è la risposta al progetto di Google e del miliardario Elon Musk, basato su palloni aerostatici e satelliti.

Terragraph usa una versione modificata della tecnologia esistente ma non comune, detta WiGig o 802.11ad. Essa impiega onde aeree dove i segnali radio vibrano a 60GHz, circa 100 volte la frequenza usata per il broadcasting TV e per connettere lo smartphone alla Rete. Facebook pensa di piazzare stazioni base Terragraph ogni 200 o 250 metri.

L’obiettivo di Aries (Antenna Radio Integration for Efficiency in Spectrum) punta sull’efficienza di spettro. ARIES, che aggiungerà antenne alle torri radio, per aumentarne la capacità, potrebbe essere incorporata nella tecnologia 5G attesa dal 2020.

Infine a F8, Facebook ha comunicato l’assunzione di Regina Dugan, ex Google, in precedenza direttore del Darpa, per guidare il nuovo gruppo di Ricerca e sviluppo (R&D) focalizzato sull’hardware, noto come Building 8, per connettere le persone in vari modi, dalla messaggistica alla realtà virtuale.

Mark Zuckerberg ha anche parlato di politica, lanciando un messaggio di speranza contro chi vuole ergere muri: no a nazionalismo e xenofobia, sì alla comprensione per l’altro e alla solidarietà. Un attacco esplicito al candidato Donald Trump.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore