A Hollywood un laboratorio contro la pirateria

AccessoriWorkspace

Nasce Movielabs per proteggere le opere cinematografiche dalle copie pirata

Nei giorni scorsi era circolata la notizia che RIAA e MPAA faranno il loro ingresso nel consorzio di Internet 2. La controversa misura dimostra gli sforzi della lotta alla pirateria, ormai a 360 gradi. Dalle crociati anti P2p ai recenti moniti per dissuadere le software house a continuare la corsa nel file sharing illegale. Adesso sono gli studios di Hollywood a riappropriarsi della scena, soprattutto cinematografica, in prima persona: la lotta contro la pirateria riparte da una nuova impresa tecnologica, tesa a realizzare soluzioni innovative per difendere i film dalle copie pirata e dalla loro distribuzione sul mercato nero o su Internet. Nasce Motion Picture Laboratories, o Movielabs, un laboratorio hi-tech che avrà il compito di individuare la registrazione illegale dei film nei cinema e inventare, di concerto, nuovi hardware e software impiegati dai network per distribuire i film. Le perdite stimate dagli studios, causate attualmente dalla pirateria, ammonterebbero a 3,5 miliardi di dollari annuali. Tra i fondatori del laboratorio citiamo: lo studio di Walt Disney, Paramount Pictures, Twentieth Century Fox Film, Sony Pictures Entertainment, Universal City Studios e Warner Bros Entertainment.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore