A Microsoft i brevetti Android frutteranno un miliardo di dollari all’anno

AziendeMarketingMercati e FinanzaMobile OsMobilityWorkspace

Microsoft e Nokia monetizzano, rispettivamente, il boom di vendite delle piattaforme rivali: Android e iOS. Grazie ai diritti delle licenze e alle denunce per violazione brevetti

Se Windows Phone 7 non decolla, in attesa del primo Nokia Phone 7 per fine anno, Microsoft non si preoccupa. Perché il giro di affari di Microsoft nel Mobile ha iniziato comunque a riprendere quota, grazie all’arcirivale di sempre: Google. Per Microsoft i brevetti Android valgono un miliardo di dollari all’anno. Microsoft, dopo aver siglato accordi per le royalties con vari vendor Android (dai miori al colosso di Taiwan, HTC), ora punta dritto su Samsung, a cui sta per chiedere 15 dollari per ogni Android venduto. Il conto è presto fatto: se Samsung da sola ha venduto 3 milioni di Galaxy S II in 55 giorni, e la piattaforma Android conta 500 mila attivazioni al giorno (parola di Andy Rubin, del progetto Android), relativamente ai diritti delle licenze di Android, Microsoft potrebbe arrivare a fatturare quasi un miliardo di dollari. Per la precisione 910 milioni di dollari. Una cifra da capogiro, calcolata da GigaOm, che equivarrebbe a quella che ricava Google, il principale sviluppatore, da Android.

In attesa di vedere come andrà a finire la richiesta di royalty a Samsung, Microsoft ha ottenuto i diritti delle licenze di Android da: Htc, General Dynamics Itronix, Velocity Micro, Onkyo e Wistron. Secondo Bloomberg a questi vendor “minori” Microsoft avrebbe chiesto 5 dollari per ogni dispositivo venduto.

Ma con Samsung Microsoft vorrebbe triplicare a 15 dollari. E Microsoft ha denunciato per violazione di brevetti perfino Barnes&Noble e Motorola. Insomma, Android, la piattaforma numero uno del mercato smartphone, potrebbe diventare la “gallina d’oro” di Microsoft. L’azienda guidata dal Ceo Steve Ballmer vuole inoltre mandare un messaggio ai vendor di telefonia, avvisandoli che Android è gratuito solo “formalmente”, perché, ora, a causa delle possibili violazioni brevetti, è un OS low-cost, ma pur sempre a pagamento. Ricordiamo che anche Oracle ha denunciato Android per via di 44 brevetti Java: Oracle vuole 2,6 miliardi di dollari da Google (secondo i calcoli della Boston University School of Management).

Mentre il colosso di Redmond e Nokia terminano la fase di transizione della migrazione di Nokia da Symbian a Windows Phone 7. Per la cronaca, ricordiamo che Nokia, dopo aver incassato circa 500 milioni di dollari di una tantum da Apple, sta ricavando un tot di dollari da ogni iPhone venduto, grazie a un accordo di licenza con Apple. Android e iOS, i due sistemi operativi che hanno “rivoluzionato” il mercato smartphone e della telefonia mobile, stanno “foraggiando” la partnership Microsoft-Nokia, monetizzando il successo di vendite della concorrenza.

Microsoft e Nokia monetizzano il boom di Android e iOS
Microsoft e Nokia monetizzano il boom di Android e iOS
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore