A Montreux i garanti della privacy discutono di globalizzazione

Sicurezza

Tra i temi affrontati, biobanche e marketing politico. Un bilancio dei primi dieci anni della direttiva europea sulla privacy

MONTREUX. Tutela della privacy e globalizzazione: come conciliare un diritto universale rispettando le divertita nazionali (politiche, economiche, giuridiche, culturali). Questo e’ il tema centrale della Conferenza internazionale delle Autorita’ di protezione dei dati personali, organizzata ed ospitata dal Commissario federale svizzero per la protezione dei dati personali a Montreux, sul lago di Ginevra, dal 14 al 16 settembre. All’importante appuntamento annuale partecipano le autorità di protezione dati europee e degli altri continenti, esperti del settore, rappresentanti della società civile, studiosi. I lavori della Conferenza ruotano attorno ad alcune questioni fondamentali. Si discute, ad esempio, dei delicatissimi problemi che pongono le biobanche, strutture dove si conservano a scopi sanitari o di ricerca campioni biologici (dati genetici, tessuti, cellule, ecc.). Verranno inoltre affrontate le problematiche legate alla possibilità di un’unica normativa sulla tutela dei dati personali in contesti sociali, economici, culturali spesso profondamente diversi; all’adeguatezza dei principi di protezione dati alle sfide di Internet; alla possibilità di una semplificazione di norme e procedure per venire incontro alle esigenze del mondo economico, che lamenta una eccessiva divertita normativa nei diversi Paesi. StudioCelentano.it

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore