A ottobre si accende il WiMax italiano

NetworkProvider e servizi Internet

Linkem lancia Max in Lombardia e Puglia e dà il via alla banda larga senza fili, dedicata ai cybernauti nomadi. I prezzi? Come una Adsl residenziale

Parte il WiMax italiano: da ottobre, in Lombardia e Puglia. Linkem dà il via alla banda larga senza fili. Si chiama Max e ha i prezzi di una Adsl residenziale, la banda larga senza fili, che dovrebbe ridurre il Digital divide italiano, laddove la banda larga non è mai arrivata.

Le tariffe di Linkem sono allineate alla banda larga tradizionale, e le offerte sono tre: 20 euro al mese per connessione fino a 7 Mega; invece Internet più telefono (chiamate illimitate ai numeri fissi) costerà30 euro al mese; 45 euro, invece, per Internet più telefono fisso e cellulari (verso i quattro operatori).

Il WiMax partirà prima nelle province di Bari e Brescia, quindi Bergamo e Cremona, per poi coprire tutta la Lombardia. Dopo la Lombardia, toccherà a Veneto e Lazio. La copertura WiMax raggiungerà 55 città a fine anno, più i 450 hotspot del gruppo, in areoporti e alberghi, ma anche l’Auditorium di Roma. Basterà avere una scheda Pcmcia e, presto, una Pen drive Usb, con altri 50 euro di costo hardware, per godere del WiMax nomade. Invece il modem è in comodato gratuito.

La peculiarità del WiMax italiano è infatti l’offerta dedicata ai cybernauti nomadi, non legati a una Adsl fissa.

Linkem, le cui licenze vinte coprono circa l’80 per cento del territorio nazionale, ha posato la prima antenna a Bari, in collaborazione con TeleBari. Le antenne sono per lo standard 802.16e del WiMax (detto mobile).

Ad Amsterdam e’ stata a ttivata la prima rete commerciale mobile del WiMa x.

L’ha lanciata Worldmax, grazie a Alcatel-Lucent, con offerte prepagate e in abbonamento . La rete su WiMax 802.16e copre il centro di Amsterdam, ma raggiungeràtutta l’Olanda entro i prossimi anni.

Worldmax compete con KPN, Vodafone e T-Mobile. Per coperire tutta l’Olanda, sono necessari 3mila siti, per una spesa di centinaia di milioni di dollari.

Secondo Clearwire, i ricavi da WiMax sono stimati da 17,5 miliardi di dollari entro il 2017.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore