Abu Dhabi rassicura i mercati

Aziende

Abu Dhabi inietta liquidità nelle banche e dà un segnale ai mercati

Fa un po’ meno paura il ciclone Dubai, anche se, per vedere se le rassicurazioni di Abu Dhabi stiano davvero avendo effetto, bisogna aspettare la riapertura delle Borse e soprattutto di Wall Street.

Sicuramente è stato ridimensionato lo spettro di un effetto domino sugli Emirati vicini a Dubai, tuttavia solo nei prossimi giorni si capirà il reale effetto dell’ipotetico crac di Dubai World. Ma nei tre giorni di silenzio, è stato lecito supporre di tutto e di più, sulla scorta di quanto successo nel 2008.

I ricchissimi fondi sovrani dell’area, nel periodo più nero della crisi, hanno offerto sostegno alle aziende dell’IT. Ricordiamo che, per esempio, Advanced Technology Investment (ATIC), proprietà del governo di Abu Dhabi , ha messo a segno l’operazione da 1,8 miliardi di dollari per acquisir e Chartered Semi, il foundry chipmaker di Singapore; e lo scorso marzo Atic ha creato Globalfoundries, che produce chip per Amd.

L’iniezione di liquidità da parte di Abu Dhabi è un segnale ai mercati tutti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore