Accenture: Le tecnologie digitali eliminano le frontiere tra i mercati e aprono alla crescita

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace
Le tendenze digitali secondo Accenture
0 0 Non ci sono commenti

Le tecnologie digitali contribuiscono alla nascita di mercati completamente nuovi e ad alto potenziale. L’analisi di Accenture mette a fuoco sei mercati digitali: salute, formazione, sistemi di pagamento, produzione, shopping e mobilità

Da una ricerca di Accenture, che s’intitola “Aprire nuovi mercati di consumo: accelerare la crescita con il digitale”, emerge che la ripresa dell’economia globale porta la maggior parte delle aziende a crescere al di fuori dei propri settori di appartenenza grazie alle tecnologie digitali. Il digitale sta spingendo alla nascita di mercati completamente nuovi e ad alto potenziale.

Lo studio rivela che nel prossimo quinquennio il 60% delle aziende prevede di spostare o affiancare la propria attività classica con quella in altri mercati. L’analisi mette a fuoco sei “mercati digitali” in cui gli attori tradizionali e nuovi player provenienti da altri settori possono competere attraverso logiche completamente nuove: salute,  formazione, sistemi di pagamento, produzione, shopping e mobilità che trasformeranno le dinamiche di altrettanti settori tradizionali – sanità,  educazione, servizi finanziari, industria manifatturiera, commercio al dettaglio e trasporti. Con tassi di crescita superiori.

L’analisi Accenture negli Stati Uniti, nella sanità, individua un tasso annuo di crescita del 2,5% tra il 2015 e il 2018. Le tecnologie digitali (per esempio, le tecnologie per la diagnosi remota, la gestione delle cartelle cliniche elettroniche eccetera) produrranno una crescita annua del 3,3% nel mercato digitale più ampio della salute. In Gran Bretagna, nei servizi finanziari, si prevede una crescita annua del 2% nel quinquennio 2012-2018, ma il segmento dei sistemi di pagamento, che rappresenta un mercato digitale altamente competitivo, dovrebbe registrare un incremento del 2,9% grazie al consolidamento di nuove tendenze quali il crowd funding, i prestiti peer-to-peer (P2p) e le apps di portafoglio digitale. In Germania, nel commercio al dettaglio, è attesa una crescita annua dell’1,6% fra il 2012 e il 2018, ma nel più ampio mercato dello shopping digitale il tasso di crescita annua balzerà al 2,6%  grazie alla possibilità di contrattare il prezzo in tempo reale, abilitare piattaforme di e-commerce in cui anche i consumatori possano diventare venditori, attivare servizi online di condivisione e baratto.

Il rapporto spiega le modalità in cui le aziende affronteranno i mercati digitali nei prossimi cinque anni. Secondo Accenture, è la collaborazione, invece dell’acquisizione, la strada preferita: il 63% delle aziende che vogliono crescere al di fuori del proprio settore di appartenenza intende creare alleanze strategiche e il 46% formare joint venture. Solo il 39% amplierà la presenza nei settori non tradizionali tramite operazioni di fusione e acquisizione.

Sono poche le aziende che sfruttano la trasformazione digitale come leva di crescita effettiva. Per crescere, le aziende in posizione dominante devono aprirsi  a nuovi progetti di impresa e partnership capaci di rinnovare l’attuale modello di business. Nuove capacità e strategie più flessibili servono per costituire  quelle reti aperte e collaborative che rappresentano il cuore dei nuovi mercati digitali.

Secondo lo studio, le aziende che vogliono avere successo nei nuovi mercati digitali devono possedere tre capacità fondamentali: utilizzare il digitale per anticipare i bisogni dei clienti, essere pronte ad assumere nuovi ruoli con i partner, sfruttare il digitale per accelerare il processo decisionale e lo sviluppo dei prodotti.

L’analisi è stata svolta da Accenture coinvolgendo 500 dirigenti di 10 Paesi.

Le tendenze digitali secondo Accenture
Le tendenze digitali secondo Accenture
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore