Accordo Ue per i videogiochi violenti

Autorità e normativeNormativa

L’intesa porta le firme dei ministri della Giustizia europei. La decisione
finale sul divieto di vendita spetterà ai singoli stati

La querelle sui videogiochi violenti torna alla ribalta nell’Unione europea, dove i ministri della Giustizia si sono riuniti a Dresda per un accord o. L’intesa Ue sui videogame violenti afferma che le informazioni sui giochi non in regola con la legislazione saranno distribuite dall’Unione europea; tuttavia la decisione finale sul divieto di vendita spetterà ai singoli stati. Verranno inoltre armonizzate le sanzioni penali destinate ai rivenditori che venderanno i videogame violenti ai minori (oggi non sono controllati i documenti dei giovani acquirenti). Dunque, la normativa unica non è all’orizzonte: ogni stato prenderà in esame i videogiochi eventualmente da vietare.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore