Acer agli studenti: l’informatica e il Pc non sono una malattia

Workspace

Acer ha avviato un progetto pilota, con l’European Schoolnet association, per sensibilizzare in dieci classi di ogni paese coinvolto, tra cui l’Italia, l’uso di Pc e dell’informatica agli studenti

Quando l’informatica incontra il mondo della scuola.

E’ così per Acer che, attraverso una partnership con l’European Schoolnet association, una rete di 31 ministri dell’istruzione, ha deciso di avviare un progetto pilota in Italia, Francia, Spagna, Regno Unito, Germania, Turchia che coinvolga dieci classi per ogni paese.

“L’obiettivo che ci siamo posti – spiega Emanuele Accolla, Acer Emea vice president per il business Educationalè capire come agevolare l’adozione del computer agli studenti per facilitare l’acceso alle informazioni. La tecnologia oggi è disponibile a un prezzo più basso rispetto al passato, la connettività è passata da zero a dieci euro al mese per avere da internet ciò che si desidera e chiunque può disporne. Fatte queste considerazioni – continua – abbiamo deciso di fornire computer agli insegnanti per gli strudenti. L’esperimento vuole arrivare a dimostrare che una scuola che adotta la tecnologia forma studenti migliori rispetto ad un’altra che non investe in tecnologia”, conclude Accolla.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore