Acer Italy, pronti a ripartire

FormazioneManagement

L’obiettivo da raggiungere è il miliardo di fatturato. Carozzi è il nuovo
country manager. Rafforzamento del canale distributivo e del customer care

Acer Italy fa il pieno di risorse per la campagna invernale. L’obiettivo da raggiungere è il miliardo di euro di fatturato a partire dagli 850 milioni del 2006 e da una quota di mercato che con qualche scostamento nel tempo si mantiene da anni attorno al 30-35%. La società in Italia è stata da poco affidato alle cure di Federico Carozzi, ex Hp, ma con una lunga esperienza precedente in Acer a livello sia italiano che Emea. A partire da una leadership di mercato che Acer si gioca in quasi tutta l’Europa con Hp, Carozzi ha ricevuto dai vertici europei la missione di consolidare a livello di risultati la svolta organizzativa che la società è venuta realizzando quest’anno a partire dalle linee di prodotto per arrivare al canale distributivo. La nuova strategia non più improntata sulle linee di prodotto ma sul mercato dell’utenza, con una chiara distinzione tra utenti consumer e utenti aziendali professionali, ha già dato qualche buon risultato nel secondo trimestre di quest’anno.

Ma alla struttura interna mancava ancora un migliore ridefinizione delle politiche di canale affidate a Gianpiero Morbello, Emea channel marketing director, e a Fabio Bergamaschi, channel marketing manager per Acer Italy. Per un’azienda da sempre orientata al canale indiretto il rafforzamento del strategie di canale è passata da una fase di ascolto di utenti e dealer con una serie di ricerche di mercato che hanno aiutato a riposizionare i rapporti in funzione anche della nuova riorganizzazione dell’offerta di prodotto. La strategia prevede il lavoro sulla fascia di reseller Acer che la società chiama Connect Reseller, da 2mila a 3 mila dealer individuati attraverso un’analisi dei contatti realizzati da Acer Connect, il portale riservato alla vasta comunità dei reseller. Con loro Acer intende avere un contatto diretto attraverso una struttura di vendita interna in via di realizzazione . Per i Connect Reseller sono in programma attività di comunicazione e di marketing che saranno attuate sia attraverso la piattaforma Acer Connect sia con un costante contatto telefonico. Verso i circa 30 mila operatori e possessori di partita iva che hanno già acquistato prodotti Acer dalla distribuzione le attività di marketing continuano a essere veicolate attraverso il canale distributivo. Per tutti i rivenditori Acer rivestono anche importanza gli strumenti di supporto post vendita e di mantenimento dei contatti con l’utenza. Qualche mese fa Acer aveva già annunciato il programma di incentivazione Acer Care ( dealercare.acer-euro.com) che premia i dealer che vogliono impegnarsi nel processo di assistenza e di riparazione di notebook e Pc facendo da tramite nell’assistenza carry?in.

Ma Acer ha fatto di più. Per le riparazioni e la risoluzione dei problemi di funzionamento delle sue macchine ha approntato a Mazzo di Rho, alle porte di Milano, un nuovo centro di riparazione la cui superficie triplica quella del precedente repair center e impiega 87 persone. Un aspetto innovativo della nuova procedura di assistenza consiste nella possibilità da parte del cliente di essere costantemente aggiornato in tempo reale via Sms sullo stato di riparazione e di spedizione del suo portatile. In alternativa una vista al sito acer.it consente di seguire l’andamento del processo di riparazione.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore