AdBlock Plus apre alla pubblicità

MarketingPubblicità
AdBlock Plus apre alla pubblicità
1 1 Non ci sono commenti

Secondo Comscore, il 50% dell’advertising era di fatto diventato invisibile. Ora Adblock Plus svela una piattaforma per la pubblicità considerata accettabile e non invasiva, ammessa in una lista bianca

Diventato popolare come app per bloccare l’advertising, ora AdBlock lancia la piattaforma Plus, dedicata all’advertising. Eyeo entra nel mercato pubblicitario con AdBlock Plus che consentirà ai gestori di siti di mostrare loro pubblicità: ma spot non invasivi, bensì “accettabili”, ammessi in una Whitelist e non più bloccati da una Black list. Dopo aver ingaggiato un braccio di ferro con Facebook, guerre in tribunale, sfide continue (Google aveva rimosso alcune apps anti pubblicità dal suo Play Store), AdBlock Plus è giunta a un compromesso: semaforo verde solo alla pubblicità ammessa in “lista bianca”, filtri per l’advertising più invasivo e fastidioso per la navigazione degli utenti. Editori e blog potranno adottare una pubblicità che rientra nelle linee guida della piattaforma, selezionando quella più adatta ai loro siti. L’80% dei pagamenti andrà ai publisher, mentre il restante 20% sarà suddiviso fra alcuni player, compreso Adblock, cui spetterà il 6%.

AdBlock Plus apre alla pubblicità
AdBlock Plus apre alla pubblicità

I parametri per definire una pubblicità “accettabile” sono sostanzialmente due; la non invasività; e il fatto che non comprometta l’eperienza di navigazione, ovvero l’utilizzo del sito su cui appare. Till Faida, co-fondatore di Adblock Plus, ha spiegato: “La Acceptable Ads Platform ha aiutato gli inserzionisti che vogliono mostrare agli utenti con adblocker un’esperienza alternativa e meno invadente, fornendo loro gli strumenti per implementare loro stessi la piattaforma”.

Anche AdBlock Plus è dovuta scendere a un compromesso, dopo che sempre più siti bloccavano l’accesso e la lettura agli utenti di software ad-blocker. Secondo Comscore, il 50% della pubblicità era di fatto diventata invisibile e non godeva più di fruibilità, provocando ingenti danni al mercato dei media online.
L’advertising online ha un nemico, ma forse, d’ora in poi, un alleato: gli Ad Blocker, le apps predilette dai giovani.
Il 100% dei maggiorenni under 24, infatti, usa adblocker più della media, ma anche il 42% degli utenti donna blocca i messaggi pubblicitari indesiderati.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore