Addio vecchio codice a barre

Workspace

Il codice a barre vive i suoi ultimi anni. In gran parte è già sostituito dalle etichette con tecnologia RFID

Il codice a barre andrà in soffitta. Anzi, un gran numero di utilizzatori già l’ha mandato. Da un’indagine svolta nei paesi europei più industrializzati, è emerso che il 50% dei rivenditori italiani usa già la tecnologia alternativa Rfid ( Radio Frequency Identification). Sempre secondo la ricerca, il 41% dei rivenditori europei ha avviato, quest’anno, un progetto per adottare tale tecnologia, che facilita la rintracciabilità delle merci. Si pensa che, entro il 2006, oltre il 50% dei colli consegnati dai rivenditori non avrà più il codice a barre, ma la nuova etichetta a radiofrequenza. Tra i vantaggi del sistema, va citata una minore percentuale di merci irrintracciabili e perciò perdute, minore intervento di manodopera, aumento della rotazione del magazzino. Tutti buoni motivi di risparmio, davanti ai quali nessuno può rimanere insensibile.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore