Adiconsum: No alla Spending review nella polizia postale

CyberwarMarketingSicurezza
Adiconsum: No ai tagli alla Polizia PostaleWeb
0 1 Non ci sono commenti

Gli italiani hanno 37 milioni di smartphone in tasca, , ma nel 2013 l’Italia risultava ultimo Paese in Europa per investimenti e applicazione dell’ICT Security. La denuncia di Adiconsum, contraria ai tagli alla Polizia Postale

Pietro Giordano, Adiconsum, è contrario alla Spending review nella polizia postale, mentre l’Agenda Digitale sta per entrare nel vivo: “No ai tagli alla Polizia Postale. È un controsenso parlare di Agenda digitale e poi tagliare la Polizia Postale impegnata a prevenire e difendere i consumatori dalle truffe informatiche.. Il consumatore digitale ha bisogno e diritto di sicurezza on line. Il risparmio nella P.A. non viene dai tagli, ma da una oculata riorganizzazione del comparto sicurezza che dia più tutele ai consumatori“.

La decisione di tagli verso la Polizia Postale mette a rischio la sicurezza dei cittadini: “Adiconsum – precisa Pietro Giordano, Presidente nazionale – è contraria a tagli che riguardino i comparti più innovativi della Polizia di Stato. Gli impegni assunti con l’avvio dell’agenda digitale mostrano che la sicurezza digitale è una sfida centrale per il Paese. I numeri parlano chiaro: la vendita di strumenti digitali non conosce crisi, il commercio elettronico mostra continui segnali in positivo e sempre più sono i servizi venduti ed offerti on line“.

E in effetti IDC fotografa la crescita a due cifre del mercato degli Smart connected device in Italia: nel 2013 sfiora i 24 milioni di unità, registrando un incremento del 16,9% all’anno rispetto al 2012. Ma nel 2013 l’Italia risultava ultimo Paese in Europa per investimenti e applicazione dell’ICT Security: la mancanza di cultura della sicurezza, si traduce in mezzo punto di PIL perso ogni anno. Gli italiani hanno 37 milioni di smartphone in tasca, ma l’Italia è praticamente ultima in classifica in ambito europeo sia per investimenti sia per applicazione dell’ICT Security.

Mentre crescono le vendite di smartphone e tablet, si assiste a un aumento dei fenomeni legati all’utilizzo inappropriato della Rete: dalla pedopornografia alla contraffazione, dal cyber bullismo alle truffe online. “Lo sviluppo della Rete va di pari passo con la sicurezza che questa è in grado di garantire a cittadini e consumatori – spiega Giordano – La sicurezza passa inevitabilmente per le azioni della Polizia Postale, considerata all’avanguardia in Europa per risultati conseguiti, capacità di indagine ed utilizzo di strumenti innovativi e avvertita dai cittadini vicina per l’importante attività di controllo, verifica ed indagine svolta sulla Rete“.

La Polizia Postale, secondo Adiconsum, non va “tagliata” ma, al contrario, incrementata: “Il risparmio nel comparto sicurezza si raggiunge riorganizzandolo, prevedendo una maggiore collaborazione fra le varie Forze di Polizia, evitando doppioni e creando un unico polo dedicato alla sicurezza digitale. I giusti tagli della Pubblica Amministrazione non sono quelli che portano il Paese indietro nel tempo, ma quelli in grado di garantire sviluppo ed innovazione del Paese“, conclude Giordano.

Navigate in sicurezza sul Web? Misuratevi con un Quiz!

Scopri come i tablet stanno cambiando il business (i.p.)

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore