Adobe Acrobat 7.0 Elements

Management

Settima release anche per la versione entry-level dei prodotti Acrobat,
limitata alla creazione di documenti Pdf, a velocizzarne la distribuzione e
proteggerne i contenuti

Dopo il successo delle versioni light di Photoshop e Première, Adobe ha pensato bene di utilizzare lo stesso stratagemma per rendere più popolare presso il grande pubblico il nome del suo celebre software di creazione e manipolazione di file Pdf. Al potente applicativo, giunto alla settima versione, un po’ per il prezzo proibitivo un po’ per la complessità di alcune sue funzioni, gran parte dell’utenza sembra infatti preferire software più abbordabili e facili da usare, proposti ormai su Internet in gran quantità, ma che raramente si dimostrano all’altezza di Acrobat. Con Adobe Acrobat 7.0 Elements è tuttavia possibile giungere ad un soddisfacente compromesso. L’applicativo, facente parte della ?famiglia? di prodotti Acrobat, costituisce la soluzione a costo più contenuto del gruppo, e va inteso come una versione ?da ufficio? del più ?creativo? Acrobat 7.0 vero e proprio. A differenza di quest’ultimo (edizione Standard o Professional), Acrobat 7.0 Elements dispone in effetti di un numero di funzioni notevolmente ridotte, che si limitano alla possibilità di creare documenti Pdf ricercabili da qualsiasi software sia in grado di gestire funzioni di stampa (con Acrobat Elements viene infatti installato anche il driver di stampa Adobe Pdf), e all’aggiunta di impostazioni di protezione ai documenti generati. Alle barre degli strumenti delle applicazioni Office supportate (Ms Word, Excel, Outlook e PowerPoint, ma non Access, Publisher, Visio o Project), Elements aggiunge automaticamente due pulsanti: il primo, Converti in Adobe PDF, serve a effettuare rapidamente l’esportazione del documento corrente in formato Pdf, mentre il secondo, Converti in Adobe PDF e invia per e-mail, consente di effettuare la conversione e inviare via email il file generato. In ogni caso, è possibile avviare la conversione anche da Windows, facendo clic destro sul file desiderato e scegliendo la voce dal menu contestuale, o ancora trascinando file e cartelle sull’icona di Elements. Il programma permette di configurare la conversione definendo le relative impostazioni (anche operando contemporaneamente su più file). Dà inoltre la possibilità di specificare funzioni di accesso facilitato (come l’abilitazione alla lettura del testo per programmi di lettura schermo per ipovedenti), aggiungere segnalibri e link per i documenti Office convertiti, ovvero tag per la definizione della struttura o l’ordine di lettura del file, e permettendo di scegliere se convertire o meno un’intera cartella di lavoro Excel. Elements non prevede alcuna funzionalità di modifica dei file Pdf né l’utilizzo delle opzioni avanzate presenti in Acrobat, rende però possibile configurare i principali parametri di sicurezza di tali documenti (impostare password di visualizzazione o accesso, applicare autorizzazioni specifiche), applicando cifrature RC4 a 128 bit, compatibili a partire dalla versione 5.0 di Acrobat e in grado di assicurare un alto livello di sicurezza in caso di distribuzione dei file via email. Oltre che tramite licenze multiple (con un numero minimo di installazioni ridotto a cinque unità, avvalendosi dei programmi di licenza Adobe Open Options 4.5), Acrobat Elements ora è disponibile anche come pacchetto retail.

Votazione: 83

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore