Adobe Flash collabora coi motori di ricerca

Management

Adobe vuole migliorare l’indicizzazione dei contenuti del Web dinamico e delle RichInternet application su Google e Yahoo!

Adobe collabora con Google e Yahoo! per migliorare l’indicizzazione dei contenuti Flash e le applicazioni rich internet (Ria)

sui motori di ricerca. Finora le pagine in tecnologia Flash venivano penalizzate sui motori di ricerca, in quanto non interpretate efficacemente (a parte il testo statico e i link). Ma Adobe vuol rendere “trasparenti” agli occhi dei motori, ovvero degli spider dei search engine, i file in formato SWF Flash (Shockwave Flash). La ricerca delle rich Internet application e delle pagine Web dinamiche finora era complicato sui motori di ricerca, proprio a causa della loro non staticità che ne ostacolava l’indicizzazione. Ma Adobe afferma che il suo Flash player è installato sul 98% dei Pc, quindi la tecnologia Flash non può essere ignorata. Per l’indicizzazione de filmati Flash, c’è ancora da fare, ma la strada, per rendere trasparenti e leggibili

contenuti finora invisibili all’indicizzazione, sembra segnata.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore