Adobe rilascia la nuova versione di FrameMaker

Management

Nuove funzioni per l’importazione, la migrazione e il supporto dei
formati grafici più diffusi per capitalizzare le risorse esistenti.

Adobe ha presentato Adobe FrameMaker 7.1, la nuova versione della propria soluzione per il mercato enterprise dedicata all’authoring e al publishing dei documenti. FrameMaker combina la semplicità di un word processor con la potenza dello standard XML (eXtensible Markup Language), semplificando il riutilizzo dei contenuti e la loro distribuzione attraverso più canali come stampa, Web e file Adobe PDF (Portable Document Format). La versione 7.1 incorpora nuove funzionalità per il controllo incrociato tra documenti che consentono di archiviare in un solo file più versioni di uno stesso documento. Gli utenti hanno ora la possibilità di effettuare la migrazione di documenti tecnici e di altre risorse archiviate dai formati Quark XPress e Adobe PageMaker, mentre il supporto ampliato dei formati grafici più diffusi permette di importare direttamente nell’applicazione i file Adobe Photoshop e risparmiare così tempo prezioso. FrameMaker offre alle aziende la possibilità di creare, modificare e importare facilmente i contenuti XML in modalità WYSIWYG (What You See Is What You Get) durante il processo di authoring dei documenti. La versione 7.1 introduce il supporto di testo XML condizionato per consentire l’archiviazione in un unico file di più versioni di uno stesso documento XML: questa capacità snellisce la produzione di documenti caratterizzati da costanti modifiche dei contenuti, come ad esempio le informazioni relative alle specifiche elettriche, ai termini di garanzia o al servizio clienti, che variano da paese a paese. FrameMaker 7.1 arricchisce le funzionalità di controllo incrociato per consentire la creazione di link tra più documenti XML. Ad esempio, la guida all’installazione di un prodotto, in formato XML, ora può incorporare link diretti a specifiche sezioni del relativo manuale d’impiego, anch’esso in formato XML. Prestando ascolto ai suggerimenti degli utenti è stata aggiunta inoltre una funzione per il salvataggio automatico in formato XML che rende superflua la selezione dello speciale comando save as durante l’editing dei documenti XML. In questo modo, il comando save o il processo di chiusura del file effettuano automaticamente il salvataggio del documento nel formato appropriato. I nuovi filtri introdotti consentono la facile migrazione verso il formato FrameMaker dei file PageMaker e Quark XPress. Gli utenti che dispongono di documenti archiviati in questi formati hanno quindi l’opportunità di beneficiare delle superiori capacità di FrameMaker nella gestione dei documenti di grandi dimensioni e nel supporto multicanale per distribuire direttamente documenti nei formati Adobe PDF, HTML, XML e altri ancora per la stampa. Le aziende possono operare più efficientemente importando i file Photoshop direttamente all’interno di FrameMaker 7.1, eliminando la necessità di salvare i file in un formato intermedio. Tra le altre novità introdotte figurano il supporto del formato grafico JPEG 2000 e i filtri migliorati per la gestione dei disegni in formato PDF e nel formato nativo di Adobe Illustrator. Il supporto SVG (Scalable Vector Graphics) ampliato permette di utilizzare un unico file grafico sia in alta risoluzione nei formati PDF e per la stampa, sia come grafica vettoriale di alta qualità per il Web. Adobe FrameMaker 7.1 per Windows e per Sun Solaris sarà disponibile da gennaio 2004.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore