Adobe semplifica l’elaborazione della modulistica

Management

Un nuovo software per l’erogazione di Document Services che utilizza la
tecnologia PDF, Adobe Reader e codici a barre bidimensionali.

Secondo la notizia, diffusa da un comunicato stampa, la nuova soluzione per la modulistica basata su codici a barre permetterà alle aziende di ridurre i costi e gli errori associati all’inserimento manuale dei dati dando vita a un ambiente unificato compatibile con i processi basati su moduli sia cartacei che elettronici. Questa nuova tecnologia permetterà di eliminare l’inserimento manuale dei dati, consentendo al contempo la gestione di grandi volumi di moduli cartacei quali dichiarazioni fiscali, documenti per le iscrizioni elettorali, richieste di account e richieste di cambio di indirizzo. La soluzione Adobe permetterà alle aziende di creare moduli Adobe PDF comprendenti codici a barre bidimensionali, una tecnologia in grado di integrare una quantità di informazioni sensibilmente superiore rispetto ai tradizionali codici a barre monodimensionali. Distribuiti a clienti o utenti attraverso il Web, la posta elettronica o i CD-ROM, i moduli possono essere compilati sia online che offline utilizzando il diffusissimo software gratuito Adobe Reader. Inseriti dall’utente i dati nei relativi campi, il codice a barre bidimensionale ne codifica dinamicamente il contenuto in un formato definito dal creatore del modulo stesso. Una volta completati e stampati, i moduli possono essere inviati per posta o fax. Il destinatario dei moduli, azienda o ente pubblico, non deve quindi fare altro che leggere il codice a barre per acquisire tutti i dati contenuti nel modulo caricandoli in un sistema back-end per l’elaborazione. Per realizzare moduli PDF compatibili con i codici a barre, aziende ed enti pubblici potranno utilizzare il software Adobe Acrobat 6.0 Professional con apposito plug-in o una futura versione del software Adobe Designer. Per consentire agli utenti finali di compilare e stampare tale modulistica, le aziende potranno fare leva sull’oltre mezzo miliardo di copie di Adobe Reader distribuite fino a oggi. Adobe Document Server for Reader Extensions può essere impiegato per integrare diritti aggiuntivi nei moduli PDF prima della loro distribuzione, assicurando agli utenti Adobe Reader l’accesso a ulteriori funzionalità. Le aziende potranno effettuare la lettura dei moduli compilati tramite un server di decodifica Adobe o un sistema legacy, acquisendo le informazioni in essi contenute e riversandole in un sistema back-end per l’elaborazione. La soluzione per la modulistica contenente codici a barre verrà sperimentata nel corso del 2004 e la sua disponibilità è prevista entro la fine dell’anno. I prezzi saranno annunciati contestualmente alla disponibilità.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore