Affaire Facebook, 23enne fa mea culpa

Autorità e normativeSorveglianza

Il Ceo di Facebook chiede pubblicamente scusa. Abbiamo fatto molti errori

La voragine di critiche e commenti negativi, che si e’ aperta sotto i piedi del Ceo di Facebook, non ferma la sua progressione.

Come incastrato in un terreno di sabbie mobili, Mark Zuckerberg ha chiesto pubblicamente scusa in un post sul blog aziendale. Il 23enne chiede perdono ai propri utenti per le rivelazioni sul sistema di tracciamento dei dati dei navigatori. ‘Abbiamo semplicemente fatto un pessimo lavoro e mi scuso per questo‘, ha scritto candidamente il Ceo del popolare social network.

Il sistema di advertising di Facebook, denominato Beacon, consentiva il tracciamento di alcuni dati degli utenti, per farli trattare da partner commerciali per finalita’ pubblicitarie. Dopo le critiche per le preoccupazioni in tema di privacy, si e’ scoperto che il tracciamento avveniva anche senza l’esplicito consenso degli utenti.

[ StudioCelentano.it ]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore