Agatha Christie: Assassinio sull’Orient Express

Management

Un nuovo caso per l’investigatore Poirot, anzi no, per il suo assistente in
gonnella!

Dopo ?Dieci piccoli indiani?, un nuovo romanzo di Agatha Christie approda su PC in versione digitale: si tratta di Assassinio sull’Orient Express, uno dei libri più famosi della ?Signora del giallo?. Così come per il titolo precedente, gli sviluppatori di The Adventure Company hanno scelto la formula dell’avventura grafica per trasporre il romanzo sullo schermo del PC, prendendosi una serie di libertà sulla trama e sui personaggi, così da rendere la storia più interessante anche per chi già conosce il romanzo. In Assassinio sull’Orient Express il protagonista non è più il celebre Hercule Poirot, costretto a letto in uno scompartimento del treno a causa di uno sfortunato incidente, bensì Antoinette Marceau, una giovane funzionaria delle ferrovie con la passione per le indagini. Si tratta di un escamotage accettabile che regala un po’ più di originalità alla trama senza stravolgere le linee guida del soggetto, ma che di certo scontenterà quei giocatori che avrebbero preferito vestire i panni del baffuto investigatore belga. Assassinio sull’Orient Express si presenta come una classica avventura grafica punta e clicca, molto generosa nei dialoghi, ma rivela delle meccaniche di gioco piuttosto povere di originalità. Nei panni di Antoinette, dovrete indagare sull’omicidio avvenuto sul famoso treno di lusso, interrogando i passeggeri e raccogliendo indizi. Il gioco può essere affrontato affidandosi completamente al proprio istinto investigativo, oppure appoggiandosi ai consigli del degente Poirot, ma in entrambi i casi lo svolgimento della storia è del tutto lineare. Discreta è anche la veste grafica che mostra un’ispirata riproduzione degli interni del treno, delle stazioni e dei personaggi realizzati in tre dimensioni, ma caratterizzati da animazioni un po’ troppo “legnose”. Buona anche la localizzazione interamente in italiano, doppiaggio compreso. A causa di una giocabilità un po’ troppo ripetitiva e priva di idee realmente interessanti, Assassinio sull’Orient Express non rende piena giustizia al soggetto originale e finisce con l’essere una delle tante avventure senza infamia e senza lode di cui ci si dimentica troppo presto. Si tratta di un titolo consigliato agli amanti dei gialli e a chi ha apprezzato il precedente ?Dieci piccoli indiani?. Gli appassionati delle storiche avventure punta e clicca possono lasciar perdere.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore