AgCom dà l’ok ai 100 Mega di Telecom Italia

MarketingNetworkReti e infrastrutture
AgCom: cresce la banda larga, cala la rete fissa

Telecom Italia potrà offrire i 100 Mega nel 2011 ad un massimo di 40.000 clienti nelle città dove la concorrenza è presente. Ecco in quali città

L’offerta di Telecom Italia per i servizi internet ultraveloci (a 100 Mega) ha ricevuto l’approvazione da parte dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom). Telecom Italia potrà offrire i 100 Mega solo nel 2011 ad un massimo di 40.000 clienti nelle città dove la concorrenza è presente, ma prima dovrà predisporre un’offerta all’ingrosso per i concorrenti. Sembra che Telecom potrà offrire i 100 Mega in 5 di queste 6 città: Milano, Roma, Torino, Venezia, Bari, Catania.

Sulle vendite all’ingrosso Telecom potrà scontare il 12% rispetto alla sua migliore offerta al cliente finale. L’AgCom ha inoltre deciso: “In primo luogo, l’azienda potrà proporre il servizio solo nelle città in cui siano già presenti offerte di servizi Ngn da parte di altri operatori in concorrenza, così da evitare fenomeni di pre-emption del mercato. In secondo luogo, viene posto un limite al numero massimo di clienti (40 mila) che Telecom Italia potrà acquisire nel periodo“.

Telecom Italia aveva chiersto le regole per avviare l’offerta per i collegamenti a larghissima banda in sei città. Il documento spiega le modalità di transizione dal rame alla fibra e illustra che l’unbundling per la fibra sarà avviato dal 2013. L’operatore dominante aveva chiesto di affittare ai concorrenti l’infrastruttura come fa con il rame, ma a seconda delle condizioni di mercato, senza dover offrire simultaneamente unbundling e bitstream.

Nella banda larga l’Italia è agli ultimi posti, e non è fanalino di coda solo perché chiudono la classifica Grecia, Bulgaria e Romania. Secondo Eurostat l’Italia arretra di tre posti e non è maglia nera, solo perché chiudono la classifica Grecia, Bulgaria e Romania. Secondo Eurostat in Europa l’accesso a Internet si attesta al 70% delle abitazioni, e la banda larga è raddoppiata rispetto al 2006: con il 61%  in banda larga. In Italia la penetrazione è passata dal 16% nel 2006 al 49%. Ancora lontano dal 70% europeo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore