Agcom diffida Mediaset sulle tessere Premium

AccessoriWorkspace

Agcom, dopo l’iniziativa di Adiconsum, ha imposto a Mediaset di garantire
agli utenti la conservazione del credito residuo e rimuovere l’imposizione di
costi fissi per l’attivazione di una nuova smart card per il digitale terrestre

Mediaset contro la legge Bersani per le tessere Premium. Così si è espressa la direzione tutela dei consumatori dell’Agcom, l’autorità per le garanzie nelle comunicazioni, ritenendo valida la denuncia presentata da Adiconsum lo scorso 5 giugno.

“Ora Mediaset si muova in fretta e restituisca il maltolto ai consumatori, la diffida parla chiaro – spiega in una nota Paolo Landi, segretario generale Adiconsum – la Bersani va rispettata, ma l’azienda non ha ancora fatto nulla. L’Agcom vigili che la diffida venga rispettata, altrimenti sanzioni Mediaset”. Così si è espresso il segretario generale Landi, soddisfatto per questa presa di posizione dell’Agcom a favore di un’azione che aveva intrapreso proprio l’associazione difesa dei consumatori.

L’Adiconsum aveva contestato la scelta fatta dalla società del Biscione di non restituire ai consumatori il credito residuo contenuto nelle tessere Mediaset Premium scadenti il 30 giugno e di far pagare un costo di attivazione per le nuove tessere. In passato, precisa una nota dell’associazione, l’Agcom era intervenuta sulla questione, semplicemente emanando una circolare nella quale chiariva la corretta applicazione della legge Bersani, ma non aveva di fatto preso una posizione sul caso Mediaset.

Ora, Agcom ha imposto a Mediaset di provvedere a garantire agli utenti la conservazione del credito residuo alla data di scadenza delle tessere; rimuovere l’imposizione di costi fissi per l’attivazione di una nuova smart card agli utenti già clienti e predisporre, contestualmente, tutte le attività tecniche e gestionali necessarie per attuare quanto disposto e informare l’utenza attraverso i canali disponibili.

Sul fronte di problematiche tecniche sollevate, l’Agcom ha affermato che, se pur legittimo prevedere una scadenza, a fini di sicurezza, delle tessere magnetiche, le eventuali problematiche tecniche che dovessero incontrarsi non possono essere fatte pesare sui consumatori attraverso modalità restrittive.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore