AgCom: Il testo Reti Ngn non è definitivo

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e Finanza
L'offera in fibra ottica secondo Vodafone

Il testo ufficiale delle linee guida per le reti di nuova generazione sarà sottoposto a pubblica consultazione. Intanto non esaltano i dati sulla fibra ottica in Italia targati FTTH Council Europe

Mentre tutto il mondo delle Tlc e degli Internet Provider legge, studia e commenta il documento AgCom, l’Authority mette le mani avanti: il testo sulle Reti Ngn non è definitivo né ufficiale, dunque va preso “con le molle”. Il documento delle linee guida per le reti di nuova generazione è stato “diffuso nei giorni scorsi non corrisponde a quello deliberato in esito alla discussione del Consiglio dello scorso 11 gennaio”; ma, precisa l’Autorità di garanzia per le Comunicazioni, “il testo definitivo, sottoposto a pubblica consultazione tra i soggetti interessati, verrà, come di consueto, tempestivamente diffuso sul sito ufficiale dell’Autorità”.

Nel frattempo, FTTH Council Europe, l’associazione europea che promuove la diffusione della fibra ottica, boccia la “spaghetti broad band”. Dai dati italiani emerge che solo 2,5 milionisono le abitazioni cablate e 348mila gli abbonati. Invece nel Nord Europa la percentuale di case a fibra ottica oltrepassa la soglia del 10%. FttH sta per Fiber to the home. In Italia il tasso di penetrazione è del 13,7% sui 2,5 milioni di case raggiunte dalla rete e dell’1,56% sul totale.

Scrive eWeek Europe: “Come ammettono gli stessi responsabili del FTTH Council Europe, un’organizzazione la cui missione è di accelerare la disponibilità di reti di accesso veloci in fibra per consumatori e imprese , gli sviluppi italiani delle connessioni di accesso in fibra non sono delle più esaltanti , tenuto conto di un processo di crescita non condiviso tra i vari operatori del mercato italiano (“i carrier non sono ammessi come membri del FTTH Council”) , come dimostra lo stato più volte citato del progetto Fibra Italia e le varie prese di posizione di Telecom Italia che ha in carico una vasta rete di accesso in rame. L’adozione della FTTH in Italia sembra oggi essere a un punto di stallo”.

Corrado Calabrò (AgCom)
Corrado Calabrò (AgCom)
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore