AgCom lima le tariffe di terminazione mobile

Autorità e normative

L’abbassamento riguarderà Telecom, Wind, Vodafone Italia e H3g. L’Unione europea vorrebbe tagli più decisi

L’Unione europea per ora si accontenta, anche se considera limature e non tagli, le riduzioni alle tariffe di terminazione mobile, ma sono comunque un primo passo nella giusta direzione. Le tariffe di terminazione sono il pedaggio che ogni gestore mobile fa pagare agli altri per terminare le chiamate sulla propria rete.

La riduzione riguarderà Telecom, Wind, Vodafone Italia e H3 g. Le tariffe nel 2011 passeranno a 5,3 centesimi per Wind, Telecom e Vodafone e a 6,3 centesimi per H3g.

La completa simmetria tra le tariffe dei vari operatori arriverà nel 2012 al livello di 4,5 centesimi.

Crediamo che il piano presentato rapresenta una valida strategia di transizione dall’attuale regime regolatorio a un regime nuovo“, ha dichiarato il commissario Ue Viviane Reding, dopo l’incontro con il presidente dell’Authority italiana Corrado Calabrò.

L’Unione europea vorrebbe tagli più incisivi, ma per ora si accontenta. Il mercato italiano è maturo con una penetrazione del 148%. Ma AgCom è stata finora tiepida con la riduzione delle tariffe di terminazione, e ha anche ricevuto sonore bacchettate dalla Ue .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore