AgCom riorganizza la telefonia mobile 3G

NetworkProvider e servizi Internet

L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni vara il riassetto delle frequenze mobili in vista del passaggio all’Umts a 900 MHz, mette all’asta le frequenze di Ipse e propone il taglio delle tariffe terminazione

Dopo il piano anti truffe c ontro i numeri a sovrapprezzo, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni approva i l riassetto delle frequenze utilizzate per i servizi di telefonia mobile, per sfruttare al meglio le tecnologie di terza generazione (anche perché il 4G è alle porte), e propone un taglio del 30% delle tariffe terminazione.

Il riassetto delle frequenze mobili riguarda l’UMTS, nelle bande a 900 MHz (refarming), attualmente impiegate per il GSM.

L’AgCom poi mette all’asta le frequenze di Ipse, definendo le procedure per l’assegnazione delle frequenze a 2.100 MHz Umts. All’asta potranno partecipare, sia gli operatori esistenti, interessati a sviluppare la propria offerta di servizi a larga banda, sia operatori nuovi entranti interessati all’ingresso nel mercato dei servizi di telefonia mobile.

L’AgCom ha infine approvato uno schema di provvedimento che prevede un taglio di oltre il 30% delle tariffe di terminazione mobile nell’arco di tre anni.

Le tariffe di terminazione sono i costi riconosciuti da un operatore ad un altro sulla cui rete ‘termina’ la chiamata originata da un utente del primo

“Ivalori suggeriti per i singoli operatori– afferma Agcom- riflettono una curva di discesa (glide path) che conduce a livelli sostanzialmente analoghi a quelli stabiliti dal regolatore britannico Ofcom“.

Per il varo definitivo, bisogna attendere i 30 giorni di consultazione pubblica e i pareri della Commissione Ue e dell’Autorita’ Antitrust.

La proposta dell’ Agcom prevede che dal primo luglio del 2011 tutte le chiamate su un telefonino vedranno riconosciuto all’operatore sulla cui rete ‘termina’ la chiamata, un costo di 5,9 centesimi al minuto. Faranno eccezioni le chiamate dirette ai cellulari di ‘3’ che invece avranno un costo di 7 centesimi al minuto. L’Agcom ha deciso quindi di mantenere un’asimmetria in favore

del più giovane operatore.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore