AgCom vara la portabilità telefonica in un giorno

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e Finanza
Sky fa ricorso straordinario al Capo dello Stato contro il Regolamento AgCom, ritenendolo "Incostituzionale"

L’Autorità per le granzie nelle comunicazioni (Agcom) ha stabilito che entro 90 giorni si passerà dagli attuali 3 giorni a 24 ore lavorative. Ma in realtà i giorni potrebbero allungarsi

Le nuove regole entreranno in vigore entro tre mesi. Già in ritardo di sei mesi, come ha fatto notare la UE, il regolamento per la portabilità telefonica in un giorno si ritaglia un intervallo tecnico per adeguare le procedure da parte degli operatori mobili. L’Autorità per le granzie nelle comunicazioni (Agcom) ha stabilito che entro 90 giorni si passerà dagli attuali 3 giorni a 24 ore lavorative per cambiare gestore mobile mantenendo il proprio numero telefonico.

L’Agcom spiega in una nota che “sono ora previsti indennizzi in caso di ritardi, che i clienti avranno diritto di ottenere dal nuovo operatore presso cui il numero è portato, con una semplice richiesta effettuata con mezzi non onerosi (ad esempio una telefonata al call center, una mail)”.

I rimborsi per ritardi e disfunzioni saranno dunque anticipati dal nuovo operatore. Ma i giorni previsti vanno da uno e mezzo se a quattro. Poiché la portabilità scatta dalle ore 19 del giorno lavorativo successivo alla richiesta, e l’operatore ha un margine di tempo per completarla fino alle 8.30 di quello all’indomani, Alessandro Longo su Weird ha calcolato: 36 ore. Che potrebbero allungarsi a 4 giorni poiché gli indennizzi (da 2,50 a 50 euro massimi) partono dal terzo giorno di slittamento in poi. La portabilità in 24 ore potrebbe essere una chimera. Comunque, le regole dell’AgCom colmano un ritardo che andava sanato.

AgCom
AgCom
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore