Aggiornamento del rapporto EITO

Aziende

LEuropean Information Technology Observatory è necessaria una ripresa della Net Economy in Europa

In Europa nel 2002 per linformatica la crescita stata praticamente inesistente, mentre si registra per lItalia un lieve miglioramento, specialmente nel settore delle telecomunicazioni. Bruno Lamborghini, presidente di EITO e di Olivetti Tecnost, illustra come lItalia in leggera controtendenza rispetto allEuropa, con crescita dell1,2% nellIT e del 5% nei servizi di telecomunicazioni. Ma importante individuare subito i fattori generali di ripresa, che esistono e possono consentire uninversione di tendenza. E necessaria unazione coordinata su scala europea, che veda direttamente impegnate imprese e istituzioni, per consentire ai mercati di trarre vantaggio dalla effettiva diffusione delle tecnologie ICT nel sistema economico, con straordinari effetti di innovazione, sviluppo, produttivit. Risulta che mercato europeo IT ha subito un forte calo nei prodotti hardware (siamo a -6% per i PC) e un rallentamento nella crescita delle soluzioni software e servizi IT (rispettivamente attorno al +3 e +4%). Mentre si registrano nette riduzioni nella domanda di apparati e infrastrutture (tra il -6% e il -9%) nel mercato delle telecomunicazioni i ricavi degli operatori di TLC si mantengono su livelli positivi di crescita (+5%), grazie in particolare alla telefonia mobile e a Internet in rete fissa. In Italia invece landamento del mercato dellICT segna una crescita del 2,2%, anche se non ha rispettato le previsioni del 2001. Nel settore IT il tasso di crescita stato del 1,2%, media tra la discesa nellhardware del 4% e le crescite attestate tra il 3,5% e il 5,5% nel software e nei servizi IT. Per quanto riguarda le telecomunicazioni i servizi forniti dai carrier mantengono tassi di crescita pari al 5,3%. Per il 2003 si prevede una crescita dell1,9% per il mercato europeo IT e un 5,4% per le telecomunicazioni. LItalia dovrebbe mantenere il suo primato sulla media europea con aumenti del 2,1% nellIT e del 5,5% nei servizi di telecomunicazioni. La banda larga, la sicurezza informatica e il wireless sono segnalate come le principali nuove opportunit. I mercati interessati saranno le PMI, le famiglie e le istituzioni. Al primo posto si colloca la diffusione della banda larga e di Internet nelle telecomunicazioni fisse e mobili. Secondo i dati ITC del rapporto EITO, nel novembre 2001 la media europea dellaccesso domestico ad Internet stata del 38%, con una crescita del 28 % rispetto allottobre 2000. La crescita continua allo stesso ritmo. Circa la met della popolazione europea ha avuto esperienze con la rete e la percentuale di utenti regolari ha raggiunto il 40%. Circa la met (45%) degli europei usa un computer al lavoro. In 6 paesi europei quasi la met delle famiglie hanno una connessione. Assistiamo alla crescita della concorrenza per laccesso ad internet pi veloce e a tariffa unificata. Dal.lottobre 2000 al novembre 2001 la cifra di famiglie con accesso a banda larga duplicato. Il 6% degli europei ha in casa un accesso a banda larga. Secondo le previsioni di crescita per la diffusione della banda larga nel mondo, in Europa e in Italia per la fine del 2002 saranno 800mila le famiglie con una connessione Internet veloce; 1,3 milioni alla fine del 2003 e due milioni nel 2004. Dato lobbiettivo di creare una Societ dellInformazione per tutti bisogna fornire strumenti ICT attraverso sistemi educativi. Ci significa formazione su internet nelle scuole, aggiornamento dei piani di studio, formazione degli insegnanti. Lamborghini aggiunge appunto la diffusione della larga banda, che richiede sia la infrastrutture ma anche i servizi e le applicazioni uno degli obiettivi principali del programma eEurope 2005 dellUnione Europea, unitamente alladozione del protocollo IPV6, delle applicazioni per le-government, le-learning, le-health e le-business, ma anche lo sviluppo delle tecnologie e dei servizi per la sicurezza. Quindi si dar unattenzione particolare ai problemi della ICT Security, che attualmente determinano rischi e limitazioni nellutilizzo diffuso della rete. Al tema della ICT Security sar dedicata una ricerca settoriale, nellambito del Rapporto EITO 2003.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore