Aggiornare Kde

Workspace

Gli ambienti desktop disponibili per Linux si evolvono in maniera indipendente dalle varie distribuzioni: vediamo come aggiornare manualmente la Kde sul nostro sistema senza dover aspettare l’uscita degli aggiornamenti per la nostra distribuzione preferita

Il sistema grafico di Linux è strutturato in maniera totalmente diversa rispetto ai sistemi Windows: mentre in questi ultimi la parte grafica è indissolubilmente legata al resto del sistema, su Linux la grafica è gestita in un sistema client-server. In particolare il sistema grafico di Linux si basa su un server grafico, chiamato X, il quale, una volta avviato, rimane in attesa delle connessioni dei client. I client in questo caso sono i desktop manager, i quali collegandosi al server X hanno accesso al sistema e possono eseguire tutte le classiche operazioni quali avviare un browser, un editor di testo, gestire i file sul filesystem e così via, esattamente come accade nei sistemi Microsoft. La soluzione client-server slegata dal sistema permette però di ottenere diversi vantaggi: per esempio nei sistemi sui quali non è necessario avere un accesso grafico, il server X può anche non essere avviato lasciando libere preziose risorse a disposizione delle altre applicazioni. Questo è il caso a esempio di server Web o di unità di calcolo singole o in cluster: come si sa il sistema grafico è di per sè avido di risorse, e sarebbe un inutile spreco allocare potenza di calcolo per un servizio che non sarebbe comnque quasi mai utilizzato. Un altro vantaggio è quello di non causare crash di sistema in caso di problemi nella gestione dell’ambiente grafico: se il desktop manager si blocca non occorrerà riavviare la macchina, ma sarà sufficiente riavviare il server X. In questi casi per terminare il server X bloccato sarà sufficiente utilizzare la combinazione di tasti Ctrl+Alt+Backspace. Inoltre gli utenti non sono obbligati a sottostare alle scelte di un produttore: esistono diversi ambienti desktop con differenti caratteristiche, alcuni con lo scopo di essere più leggeri e performanti destinati in genere agli utenti più smaliziati, altri invece completi di tutte le applicazioni e semplicissimi da utilizzare: alcuni esempi, oltre a Kde, sono Gnome, Enlightenment, BlackBox e numerosi altri. Kde (K Desktop Environment) è un ambiente desktop completo e funzionale, semplice da utilizzare. Tutte le distribuzioni lo includono nei pacchetti di installazione e, insieme a Gnome, è uno dei desktop più utilizzati dagli utenti Linux. Kde Il sito ufficiale di Kde è www.kde.org, sul quale sono disponibili i pacchetti di installazione delle varie versioni, oltre a una serie di utilissimi link verso forum, utility e documentazione. Al momento della stesura di questo articolo l’ultima versione di Kde disponibile è la 3.2.3, i cui sorgenti possono essere scaricati dal link http://www.kde.org/info/3.2.3.php. Kde è suddiviso in una ventina di pacchetti: per ottenere un ambiente funzionante ne sono necessari solo tre, mentre tutti gli altri, contenenti le varie applicazioni suddivise per categorie, possono essere installati o meno a seconda delle nostre esigenze e necessità.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore