Agli utenti Firefox la pubblicità nelle tab non piace, ma l’azienda insiste

AziendeBanda LargaManagementNetwork
Le nuove tab di mozilla firefox con la pubblicità
1 0 Non ci sono commenti

Nonostante i dissapori tra gli utenti sottoposti al test, Mozilla continua la sperimentazione della pubblicità sulle nuove tab di Firefox. A suo rischio.

Lo scorso febbraio, Mozilla aveva annunciato che l’inserimento di tile pubblicitarie nelle pagine che si aprono quando gli utenti cliccano su “nuova tab”, prima di digitare l’indirizzo del sito web che si vuole visitare o le parole chiave della ricerca che si vuole fare. Un esperimento fatto su un gruppo di utenti selezioniati, non su tutti, come avrete notato. Adesso l’azienda ammette che il test non è andato benissimo e che gli utenti non hanno gradito la novità. Ma non desiste: proverà lo stesso e continuerà la sperimentazione.

In un post sul blog ufficiale, il vice presidente di Mozilla Jonathan Nightingale ha spiegato che “buona parte della nostra comunità ha trovato il linguaggio difficile da decifrare e si preoccupa del fatto che possiamo trasformare Firefox in un’accozzaglia di loghi venduti al miglior offerente, senza controllo dell’utente e senza beneficio per l’utente”. “Questo non succederà – ha spiegato -. Noi non siamo così a Mozilla”.

Detto questo, però, Mozilla continuerà a sperimentare questi “test sui nostri canali di pre-release per vedere se possiamo rendere cose come la pagine delle nuove tab più utile, specialmente per le installazioni più fresche di Firefox, dove non abbiamo ancora dati degli utenti per fare raccomandazioni”. I link non saranno contenuti a pagamento, per il momento, ma Nightingale ha scritto che “le sponsorizzazioni saranno il passaggio successivo, una volta che siamo sicuri che possiamo diffondere valori per gli utenti”.

In altre parole, la pubblicità invasiva alla comunità di utenti di Firefox Mozilla non piace, ma questo poco importa: Mozilla proverà ugualmente e cercherà il modo di farvi ingurgitare inserzioni pubblicitarie in ogni caso. E se gli utenti non gradissero al punto tale da cambiare browser? In fondo, la concorrenza anche in questo campo è spietata e Chrome potrebbe giovare di una emorragia di utenti dal suo più temibile concorrente.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore