L’AI di Google sconfigge il campione di gioco di strategia Go

PCWorkspace
AI di Google sconfigge il campione di gioco di strategia Go
2 9 Non ci sono commenti

Il software di intelligenza artificiale (AI) AlphaGo, realizzato da DeepMind di Google, sconfigge il campione del mondo del gioco di strategia Go, nel primo dei cinque incontri della sfida fra uomo e macchina

L’intelligenza artificiale (AI) di Google batte il campione di gioco di strategia Go. Il software AlphaGo sconfigge l’essere umano, nel primo dei cinque incontri della sfida fra uomo e macchina, in uno dei più antichi e complessi giochi cinesi da tavolo: Go era il gioco prediletto da Albert Einstein, il fisico premio Nobel per la Fisica, e Alan Turing, il matematico che decrittò Enigma, la macchina di crittografia dei nazisti.

AI di Google sconfigge il campione di gioco di strategia Go
AI di Google sconfigge il campione di gioco di strategia Go

Ora si terranno altri quattro match, ma AlphaGo, realizzato dalla britannica DeepMind, acquisita da Google nel 2014, aggiunge una vittoria nel suo carnet: dopo aver battuto per 5 round a zero il tre volte campione europeo Fan Hui, il software di AI ha sconfitto il campione del mondo Lee Sedol.

AlphaGo sfrutta algoritmi per imparare dagli errori ed ottimizzare l’esperienza di gioco. Le emittenti Tv della Corea del Sud, Cina e Giappone hanno trasmesso il match in diretta televisiva, oltre che in live streaming su YouTube.

Nel 1997 il supercomputer di IBM sconfisse l’allora campione del mondo di scacchi Garry Kasparov. Nel 2011 è stata la volta della vittoria di Ibm Watson al tele-quiz Jeopardy. Ora AlphaGo incassa un’altra storica vittoria. Oltretutto Go, a causa della complessità del gioco, è considerato l’Everest del gaming, per il numero di possibili mosse e degli elevatissimi requisiti di stratega richiesti nell’antico gioco da tavolo. “Non pensavo che AlphaGo avrebbe giocato la partita in modo così perfetto”, ha commentato il campione del mondo che ha ancora quattro match per ribaltare il risultato, anche se l’AI può dire di aver già vinto la battaglia sui media.

John Giannandrea, ex CTO del browser pioniere Netscape, arrivato in Google nel 2010 attraverso l’acquisizione di Metaweb, è stato a capo dell’AI di Google prima di passare alla guida del search, al posto di Amit Singhal. Intervistato da Fortune, l’ottobre scorso disse: “Un computer iè come un bambino di 4 anni”. Probabilmente Giannandrea pensa che sarà l’AI a rendere i Pc più intelligenti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore