YouTube al buio e il giallo del traffico rediretto verso la Cina

Autorità e normativeCensuraMarketingNetwork

Black out alla pagina iniziale di YouTube. Il disservizio è durato due ore. Il giallo del Dns mix-up è legato alla Cina?

L’homepage di YouTube è finita offline per due ore. Il black out, relativo solo alla home, si è protratto dalle 12 alle 14. Sulla Homepage del sito di video condivisione di Google compariva la scritta Internal server error.

Il disservizio aveva provocato una certa apprensione fra blogger e utenti, anche se la ricerca dei video funzionava. La pagina di ingresso di YouTube è rimasta offline in tutto il mondo.

Ma Ars Technica ha denunciato, in contemporanea a questo tilt, il giallo dei Dns mix-up e il mistero della censura cinese via root server (lo svedese I Root Server). I dipendenti di Internet network operation centers si sono accorti che il traffico Web verso YouTube, Twitter e Facebook veniva rediretto verso la Cina, offrendo ai cyber-navigatori un assaggio di ciò che gli utenti cinesi Internet vedono quando provano ad accedere ai siti bloccati dal Grande Firewall.

Il giallo dei DNS mix-up sta diventando in queste ore un nuovo motivo di attrito fra Google e Cina. Intanto, dopo l’addio di Google a Pechino, si allunga la lista delle aziende papabili a fare le valigie dalla Cina: si parla di GoDaddy.com e perfino di Dell.

Google dà l'addio alla Cina
Google dà l'addio alla Cina
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore