La strategia Mobile di Intel al CES 2013

ComponentiDispositivi mobiliMarketingMobilityWorkspace

Nome in codice Haswell, i processori della quarta generazione di Intel Core renderanno i Pc con Windows 8 ancora più sottili e piccoli. Bay Trail equipaggerà i tablet. La perceptual technology, con computer stile Kinect, a fine anno

PC al posto dei tavolini da caffé in salotto, pronti a giocare alla versione digitale di monopoli. Ultrabook super sottili. Comandi vocali e gestuali: Intel al CES 2013 presenta il futuro del computing. Nome in codice Haswell, i processori della quarta generazione di Intel Core renderanno i Pc con Windows 8 ancora più sottili e piccoli, in grado di stare nella superficie di coffee table; inoltre richiederanno schermi touch e tecnologia Intel Wireless Display. Haswell, tuttavia, non arriverà subito: fa parte della road map del 2014, ma promette una superiore durata della batteria e funzionalità extra. Haswell rappresenta la quarta generazione di Intel Core, ma di fatto è la prima espressamente nata per gli ultrabook: richiede display touch obbligatori, da 11.6 a 13.3 pollici, ma promette riduzione dei consumi, 10 ore di durata della batteria, ottimizzazione dei protocolli di sicurezza e maggiore continuità della connettività (grazie a più efficienti sleep state, come Intel aveva dichiarato a IDF).

Intel ha lanciato la demo di “Northcape”, un ultrabook da 11 pollici, molto più sottile degli esistenti ultrabook, con 13 ore di autonomia. Intel ha anche offerto una dimostrazione di computer table-top, dispositivi che già abbiamo visto in azione con il Sony Vaio Tap 20. Ma a stupire al CES è l‘all-in-one di Lenovo, il magnifico Lenovo Horizon, un vero tavolino da caffé da salotto, con Pc touch incorporato. Il Perceptual computing (interfacce umane) ha catalizzato grande attenzione: si tratta di tecnologia con software di eye-tracking e controllo dei movimenti che funziona un po’ come Microsoft Kinect. La periferica stile Kinect di Creative aggiunge il riconoscimento delle gesture a 10 dita. Alla fine del 2013 Intel promette che emergerà la perceptual technology.

Capitolo smartphone. Intel ha lanciato il chip Medfield l’anno scorso (prima con Lava, poi con Motorola), ma non è ferma lì: sta lavorando alacremente per migliorare la durata delle batterie e rendere smartphone e tablet (il mercato Mobile) più competitivo.Inoltre, il colosso dei chip si sta focalizzando nel mercato smartphone nei mercati emergenti, dove ha stretto partnership con l’indiana Lava e la cinese ZTE. La prossima piattaforma Mobile sarà “Lexington“: processori Atom da 1.2GHz, per dispositivi mobili (“future rich”) con sistema operativo Android, connettività HSPA+ radio, fotocamera da 7fps . Segni particolari: dual SIM, dual standby, e card slot microSD. Su questa piattaforma per OEM. lavoreranno Acer, Safaricom e Lava. Per il mercato smartphone, dopo Medfield, arriverà invece Clover Trail+: ma ne sapremo di più al Mobile World Congress (MWC 2013) di febbraio a Barcellona.

Nel mercato tablet, a Clover Trail, succederà Bay Trail per Windows 8. Si tratta di una micro-architettura Atom,  quad core, con design a 22nm. Bay Trail promette il doppio delle prestazioni attuali e un deciso incremento della durata della batteria. Ideato sia per Windows 8 che per Android, il chip motorizzerà le tavolette in vendita nella stagione natalizia 2013.

Passi avanti di Intel si osservano anche nei convertibili. Intel si è concentrata nella riduzione dei consumi energetici, passando da 17 a 15Watt. Ma ora è scesa sotto i 10 Watt: Ivy Bridge calerà a 7 (sette!) watt, sotto le prevcisioni.

intel-haswell_ces_2013

Immagine 1 di 9

Intel al CES 2013

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore