Al via il Centro PA di Google a Firenze

Autorità e normativeAziendeCloudMarketingMercati e FinanzaServer
Come Google gestisce le richieste dei governi

Denominato ITACA–M (Information Technology And Computer Aided Mapping), il Centro PA ha sede presso l’ateneo fiorentino. Va inquadrato nell’ambito del Piano E-Gov 2012

A Firenze nasce il Centro di Competenza che aiuta la PA a utilizzare meglio la Rete per comunicare con i cittadini e per accorciare le distanze fra cittadino e PA. Il Centro PA di Firenze ha origine grazie alla collaborazione tra Google, Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione e Università degli Studi di Firenze.
Denominato ITACA–M (Information Technology And Computer Aided Mapping), ha sede presso l’ateneo fiorentino, e va inquadrato nell’ambito del Piano E-Gov 2012. Ha sede presso l’ateneo fiorentino e sarà focalizzato su formazione e progetti in ambito search e geo.
L’avvio delle attività del Centro di Competenza ITACA-M (Information Technology And Computer Aided Mapping) costituisce uno degli esiti del protocollo d’intesa siglato a inizio 2010 tra Google e Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione con lo scopo di diffondere presso enti e strutture della PA tecnologie informatiche e buone pratiche per migliorare l’accesso alle informazioni da parte dei cittadini attraverso il web.

Responsabile scientifico di ITACA-M è Paolo Rissone, presidente dello CSIAF (Centro Servizi Informatici e Informativi dell’Ateneo Fiorentino), coadiuvato da Cristina Mugnai, direttore dello CSIAF, e da Margherita Azzari, responsabile scientifico del Laboratorio di Geografia Applicata dell’ateneo. Supporto e assistenza tecnica per le attività del laboratorio saranno fornite congiuntamente da Google e Global Base, società di Prato partner della divisione Enterprise di Google Italy.

Il Centro costituisce un esempio rilevante di collaborazione tra settore pubblico, privato e università e si pone come interlocutore per enti locali, altre istituzioni pubbliche e aziende private in ambiti applicativi quali la didattica, i servizi sanitari, il turismo, i servizi territoriali e urbanistici, la mobilità.

La firma del protocollo con Microsoft su Bing e Google segue quella con altri colossi hi-tech dei mesi scorsi: la PA ha scelto il Voip di Microsoft, Adobe per la de-materializzazione, Ibm e Sun (ora Oracle) per la PA in azienda e la scuola digitale.

Leggi anche: Brunetta: Il nuovo Codice PA Digitale per una Pubblica amministrazione snella e veloce

Google Italia a braccetto con la PA
Google Italia a braccetto con la PA
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore