Gli smartphone Google Pixel

MobilitySmartphone
Alphabet (Google) supera le attese, grazie alla ricerca e al cloud
2 4 Non ci sono commenti

La fotocamera è la punta di diamante degli smartphone Pixel e Pixel XL: ha un sensore Sony da 12 Megapixel, il chip Qualcomm permette di mettere a fuoco rapidamente. Altre novità: Google Home, il visore Daydream View per la VR e ChromeCast Ultra

Il 4 ottobre è arrivato con il suo carico di novità hardware, ma soprattutto software, made by Google, realizzate dalla stessa azienda californiana. Partiamo con il nuovo brand Pixel, con cui Google dismette il vecchio (datato 2010) marchio Nexus per puristi: con la nuova gamma, il motore di ricerca per la prima volta prende il pieno controllo del processo di sviluppo dello smartphone, ma Pixel non indicherà solo i dispositivi di telefonia mobile, ma anche i tablet e i Chromebook di Google. Pixel e Pixel XL, disponibili con schermo da 5 e da 5.5 pollici, saranno i primi smartphone realizzati con Google Assistant, il nuovo assistente digitale, in grado di aiutare ad inviare messaggi di testo, a riservare un tavolo al ristorante con Open Table e a rispondere a domande. Assistant, che integra la funzionalità Google Now on Tap, suggerisce un locale e fornisce informazioni contestuali. Assistant è la risposta dell’azienda californiana ad Amazon Alexa ed Apple Siri.

La fotocamera di Google Pixel
La fotocamera di Google Pixel

La fotocamera è la punta di diamante di Pixel e Pixel XL: ha un sensore Sony da 12,3 Megapixel (1.55-micron pixel e apertura f/2.0) e il chip Qualcomm permette di mettere a fuoco rapidamente, riducendo il consumo di batteria. In 15 minuti di ricarica, la batteria raggiunge 7 ore di autonomia.
Invece dello stabilizzatore ottico d’immagine, incorpora uno stabilizzatore video basato su giroscopio.
Secondo DxOMark, Pixel ha una delle fotocamere migliori, che ha ottenuto un punteggio pari a 89.

google-pixelpixel-xlLo schermo da 5 pollici di Pixel è da 1080p, mentre XL ha un display Quad HD da 5.5 pollici. Il cloud storage è illimitato, anche per video girati in 4K. I nuovi smartphone sono realizzati in alluminio, con una grande finestra in vetro sul retro; ospitano Pixel Inprint, il sensore per le impronte digitali. Pixel XL ha una batteria da 3,450mAh , Pixel da 2,770mAh battery. Entrambi gli schermi sono AMOLED, entrambi i device hanno 4GB di RAM, USB-C, tagli da 32GB o 128GB di storage, Bluetooth 4.2, e jack da 3.5mm. I prezzi sono: 649 dollari il più piccolo Pixel, in pre-ordine da oggi; 749 dollari il modello da 128GB, 769 dollari l’XL con 32GB, 869 dollari da 128GB.

DayDream View, la VR economica secondo Google
DayDream View, la VR economica secondo Google

Google ha svelato il visore per la realtà virtuale (VR)Daydream View, per creare un’esperienza economica di virtual reality, aprendo la VR alle masse. Daydream View è aperto a più dispositivi Android, ma la piattaforma Daydream supporta solo Android 7.0: costa 79 dollari. Forrester prevede che 37.9 milioni di dispositivi VR equipaggiati da dispositivi mobili invaderanno il mercato USA dal 2020.

daydream-viewL’intelligenza artificiale (AI) sta per invadere le nostre case. Altro hardware presentato dall’azienda di Mountain View è Google Home, lo speaker casalingo che vuole lanciare il guanto ad Amazon Echo. Lo smart speaker con virtual assistant nativo arriverà a scaffale a maggio al prezzo di 129 dollari, pronto a dialogare con gli altri device IoT della smart home, come il termostato inteligente Nest.

Tutto l'hardware di Google all'evento Pixel
Tutto l’hardware di Google all’evento Pixel

La sfida a Roku e ad Amazon nello streaming riparte da Chromecast Ultra: costa 69 dollari, supporta l’altissima risoluzione 4K più HDR. Dotato di porta Ethernet, il dispositivo è 1.8 volte più veloce e ha migliorato il Wi-Fi per scaricare film e serie Tv in streaming ad alta definizione. Da novembre Google Play Movies offrirà anche contenuti in 4K.

Google Pixel
Google Pixel

I nuovi Pixel e Pixel XL, realizzati da HTC ma Made-by-Google, sfidano iPhone 7 e Galaxy S7. Con Pixel, Google prova a farsi un nome nell’hardware, dopo aver ceduto nel 2014 Motorola, due anni dopo l’acquisizione, ma è con il software che intende stupirci.

Google Pixel con Assistant
Google Pixel con Assistant
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore