Alphabet (Google) supera le attese, grazie ai video

AziendeMercati e Finanza
Alphabet (Google) supera le attese, grazie ai video
1 27 Non ci sono commenti

Google cerca di guadagnare quote di mercato al settore della pubblicità Tv, che solo negli USA vale 70.6 miliardi di dollari. La trimestrale di Alphabet al microscopio

Alphabet, la capofila di Google, chiude il secondo trimestre, registrando una solida trimestrale. Il fatturato è trainato dal mercato dei video. Alphabet batte le previsioni di Wall Street, mettendo a segno profitti pari a 8.42 dollari per azione. Il fatturato è salito a 17.53 miliardi di dollari: comprese le spese per traffico, il rialzo è del 21.3% a 21.5 miliardi di dollari. I costi Tac (Traffic acquisition costs), il contributo pagato ai partner, ammontano a 3.98 miliardi di dollari.

Alphabet (Google) supera le attese, grazie ai video
Alphabet (Google) supera le attese, grazie ai video

A trainare la trimestrale è il mercato dei video. Google ha usato l’intelligenza artificiale (AI) per migliorare le raccommendazioni video per gli utenti, trainando più engagement sul sito. YouTube continua a brillare, grazie alla popolarità dei video: conta un miliardo di utenti, ma ne vanta di più nella fascia d’età 18-34 e 18-49 anni, le più appetibili per la pubblicità. E Google, che già detiene il 90% delle ricerche online in Europa, cerca di gudagnare quote di mercato al settore della pubblicità Tv, che solo negli USA vale 70.6 miliardi di dollari.

Alphabet sta investendo in nuovi business, che spaziano dalle self-driving-car alle connessioni veloci, alla salute (su Mobile, il motore ora consente di ricercare sintomi e diagnosi “a scopo informativo”, senza passare da siti specializzati: Google consiglia sempre il controllo medico).

Google continua ad investire in machine-learning e cloud-computing, per migliorare i prodotti esistenti e costruirne di nuovi.

La divisione Other Bets, che include Fiber, Verily per la salute e Nest per i dispositivi di smart-home, ammonta a 185 milioni di dollari, in crescita del 150% rispetto ai 74 milioni di dollari di un anno fa; ma si allargano anche le oerdite operative, aumenate da 660 a 859 milioni di dollari. I cost-per-click scendono del 7%.

Il fatturato da advertising ha registrato un incremento del 19.5% a 19.14 miliardi di dollari, mentre i paid click sono saliti del 29%. Gli “altri ricavi” sono saliti del 33%, merito anche del contributo di Diane Greene, ex Ceo di Vmware, al cloud di Google.

Il titolo è in rialzo del 6.5%. Ha perso l’1.6% nell’anno.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore