Amazon crea 100 mila posti di lavoro temporanei

E-commerceMarketing
Amazon crea 100 mila posti di lavoro temporanei
4 1 Non ci sono commenti

In vista dello shopping di Natale, Amazon rilancia con 100 mila posti di lavoro temporanei, in aumento del 25% rispetto a un anno fa. Botta e risposta fra Amazon e New York Times in merito al reportage estivo sulle condizioni di lavoro dei dipendenti del colosso di e-commerce

In vista dello shopping di Natale, Amazon promette la creazione di 100 mila posti di lavoro temporanei negli USA. Più degli 80 mila di un anno fa: in aumento del 25% rispetto a un anno fa. Il colosso dell’e-commerce ha già assunto, a partire da agosto, 25.000 dipendenti a tempo pieno per preparare le vendite di Natale. Amazon prevede un fatturato pari a 35.1 miliardi di dollari nel quarto trimestre, in crescita del 20% rispetto a un anno fa.

Amazon crea 100 mila posti di lavoro temporanei
Amazon crea 100 mila posti di lavoro temporanei

Dopo le critiche già mosse dal Ceo Jeff Bezos, Amazon parte all’attacco del discusso reportage estivo del New York Times (Nyt) sulle condizioni di lavoro dei dipendenti del colosso di e-commerce. Già bollato come un’antologia di aneddoti ed episodi al limite, il reportage, che raccoglieva testimonianze di ex dipendenti dell’azienda, ora è accusato di non aver seguito i criteri del giornalismo d’inchiesta: il post, intitolato Quello che il New York Times non ti ha raccontato, di Jay Carney, vice presidente del Global corporate affairs di Amazon, punta il dito contro i giornalisti del NyT, Jodi Kantor e David Streifeld, accusati di non aver verificato in maniera corretta né i fatti né le fonti.  Spicca in particolare la testimonianza di un ex dipendente, molto duro con Amazon, ma che si era licenziato dopo che un’indagine interna aveva rivelato i suoi tentativi di truffare i venditori e di celare le prove truccando i conti.

Amazon ha poi segnalato tutte le lacune al Nyt, senza che il giornale corresse ai ripari con le correzioni.  Ma il direttore della “Vecchia Signora in Grigio Dean Baquet ha risposto alle critiche di Amazon, pubblicando un post di replica su Medium indirizzato a Carney: il NyT sostiene il reportage, frutto di “un onesto lavoro di investigazione e un serio processo di analisi“. Inoltre il dipendente, autore della testimonianza, accusato di truffa da Amazon, afferma di aver dichiarato il vero. Il botta e risposta fra Amazon e Nyt, per ora, si chiude qui.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore