Amazon, spazio alla chiarezza

NetworkProvider e servizi Internet

Svolta in Amazon, che ha deciso di non accettare più recensioni e commenti anonimi sui libri in vendita.

La libertà non significa prevaricare gli altri, né tantomeno scalfirne la fiducia. Questo vale anche per Internet, che pertanto non deve essere immune da alcune regole di convivenza. E’ questo probabilmente che ha fatto scattare in Amazon la decisione di non accettare più recensioni e commenti anonimi relativi ai libri in vendita sul proprio sito. Amazon, conscia di quanto sia importante la fiducia della clientela, ha così deciso di lanciare una nuova iniziativa, chiamata Real names, con la quale invita tutti i suoi utenti a usare il loro vero nome, quando si connettono e lasciano il loro commento su un determinato libro. Questa nuova procedura si è resa necessaria dopo che sono stati scoperti molti scrittori o amici e loro conoscenti che rilasciavano commenti a dir poco entusiastici, o al contrario decisamente negativi, nei confronti di un proprio volume oppure di un concorrente. Recensioni che facevano salire o scendere il punteggio di un determinato volume e quindi “ingannare” i possibili acquirenti. Con il nuovo sistema Real names, Amazon intende porre fine a questo fenomeno. Un deciso cambio di rotta, per rafforzare il rapporto di fiducia con i propri clienti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore