Amd Athlon 64 FX 57

LaptopMobility

La Cpu Amd con singolo core più potente oggi disponibile, grazie a una serie di ottimizzazioni e alla frequenza operativa più elevata

Amd ha nuovamente spostato il top di gamma della famiglia Athlon con l’introduzione del modello FX 57. Rispetto alla precedente versione, l’Athlon FX 55 che resta comunque a listino, l’attuale Cpu dispone di una frequenza superiore di 200 MHz, ma non solo, il core utilizzato (nome in codice San Diego) è realizzato a 90 nanometri con tecnologia Silicon on Insulator e dispone del supporto per le SSE3, un controller della memoria più flessibile e una serie di piccole revisioni progettuali. Non si tratta dunque di un semplice aumento di frequenza, ma di un aggiornamento dell’intera struttura, ora più ottimizzata e veloce. A livello costruttivo, il package micro- Pga è compatibile con il Socket 939 e incorpora il core realizzato su una superficie di circa 115 mm2, per un numero di transistor pari a 114 milioni. Athlon 64 FX 57 lavora a 2,8 GHz e lo stesso vale per il controller a 128 bit della memoria, integrato nella Cpu. La cache di primo livello è di 64+64 Kbyte per dati e istruzioni, mentre quella di secondo livello è di 1 Mbyte di tipo esclusivo. L’unico canale HyperTransport disponibile lavora a una frequenza di 2 GHz e mette a disposizione una banda massima di 8 Gbyte/s. A livello elettrico, questa Cpu richiede una tensione di 1,35 – 1,40 V e una corrente massima (Icc) di 74,9 A. Il Thermal Power massimo previsto è di circa 104 W, con una temperatura operativa di 49 – 63 °C. Interessante notare come, pur aumentando la frequenza operativa del microprocessore, il Thermal Power rispetto alla versione FX 55 sia rimasto praticamente invariato. Questo consente di installare la nuova Cpu su sistemi preesistenti senza doversi preoccupare troppo di potenziare il sistema di raffreddam e n t o e s e n z a cambiare radiatore. L’aspetto legato alla dissipazione del calore non è certo da sottovalutare, soprattutto nelle workstation ad alte performance ai quali questa Cpu si rivolge. Poter disporre di maggiore potenza con consumi praticamente inalterati permette di realizzare Pc meno dispendiosi, sia in termini di prezzi di commercializzazione sia per quanto riguarda la progettazione di sistemi di raffreddamento dedicati e, solitamente, più rumorosi rispetto alla media. La motherboard scelta per questa configurazione di prova è la Asus A8N-SLI, con chipset nVidia nForce4 SLI. Questo modello offre due slot Pci Express x16, che consentono di installare due schede video in parallelo. La board mette inoltre a disposizione quattro canali Serial Ata 2, capaci di una velocità massima teorica di 300 Mbyte/s e compatibile con i più recenti drive che supportano i comandi NCQ (Native Command Queuing). Gli slot disponibili per l’installazione della memoria di sistema sono quattro ed è possibile installare fino a 4 Gbyte di Sdram Ddr a 400 MHz. In questo caso sono stati utilizzati due veloci moduli Corsair CMX512-3200XLPRO, con capacità di 512 Mbyte ciascuno, una frequenza operativa di 400 MHz e timing di 2-2-2-5. Decisamente potente anche la scheda video. La Gpu utilizzata appartiene alla famiglia GeForce su bus Pci Express x16. Il modello è il 6800 Ultra con frequenza operativa di 425 MHz e 256 Mbyte di memoria Gddr3 a 1100 MHz. Grazie alle 16 Pixel pipeline e al supporto per le DirectX 9.0c e per lo Shader Model 3.0, sono assicurati frame rate molto alti, pur lavorando con più effetti. La configurazione è completata dal veloce disco fisso Western Digital Raptor WD740, con capacità di 74 Gbyte e un regime di rotazione dei dischi di 10.000 giri al minuto. Per quanto riguarda le performance rilevate, questo nuovo processore permette di raggiungere indici tra i più alti mai registrati. Lo score ottenuto con i test di produttività Sysmark2004 è il secondo più alto mai rilevato, superato unicamente dal sistema Dual Core Athlon 64 X2 4800+. Inoltre, la macchina demo Amd si posiziona meglio rispetto a tutti i sistemi a doppio core Intel 3,2 GHz provati sinora e, grazie alla scheda grafica nVidia, abbiamo riscontrato valori di 3Dmark2003/2005 tra i più alti, con una visione fluida e continua anche nelle scene più complesse.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore