Amd si affida al martello

Workspace

Hammer sarà il processore a 64 bit con il quale Amd conta di sfondare su Linux

Amd approfitterà della cornice del LinuxWorld per presentare il suo Hammer, il futuro processore rivale dellItanium di Intel. I software developer che saranno al convegno potranno ammirare Virtuhammer, sistema sviluppato assieme Virtutech che permette agli sviluppatori di simulare il funzionamento di programmi sulla nuova serie di processori Hammer. Kevin Krewell, analista della società MicroDesign Resources osserva come Linux sia lunico sistema operativo che potrà migrare su Hammer in tempi brevi. Anche se Sun ha annunciato la possibilità di un supporto per il Solaris, non ci sono dubbi che Amd riserverà la sua priorità per chi può garantire una fetta di mercato più interessante. Anche in considerazione dellaccordo con Intel che garantisce il supporto delle piattaforme Microsoft sul nuovo Itanium, Amd però difficilmente riuscirà a ritagliarsi fin da subito un buon posizionamento nel settore Amd sta tentando di entrare in questo mercato e ha iniziato a realizzare i primi chip a 64 bit nella prima metà del 2002. Ci vorrà però del tempo prima che posa essere considerata un buon concorrente in questo settore conclude Krewell. Amd aveva presentato la sua tecnologia a 64 bit al Linuxworld dello scorso agosto e da quel momento la comunità open source ha sviluppato alcuni tool come il compilatore Gnu C e i Binary Build Tools.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore