Analfabetismo informatico in Italia

LaptopMobility

Coinvolge 2/3 della popolazione e crea danni per 15,6 miliardi di Euro
l’anno.

Lo ricorda il ministro Lucio Stanca, come riporta una nota del Ministero. In Italia non c’è solo l’analfabetismo cosiddetto letterario, ma anche quello informatico. Questo fenomeno colpisce quasi due terzi degli italiani, contro un terzo degli altri paesi, e arreca un danno che l’AICA ha valutato in 15,6 miliardi di euro l’anno. Secondo il ministro, «la scarsa preparazione della forza lavoro italiana all’impiego delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione è un handicap non secondario ed anzi, con lo sviluppo di queste tecnologie, diventa una autentica palla al piede per lo sviluppo socio-economico del Paese e penalizza la stessa competitività dell’Azienda Italia». Se, infatti, «50 anni fa per essere cittadini era necessario saper leggere e scrivere, oggi la nuova alfabetizzazione è costituita dall’uso del Pc e di Internet», ha aggiunto il Ministro, il quale ha però ricordato che «il numero degli utenti di Internet in Italia è fortunatamente in costante crescita, sostenuto soprattutto dalla dinamicità del segmento familiare: alla fine dell’anno scorso gli utenti sono stati oltre 23 milioni, con una crescita del 15,5% rispetto al 2002». Proprio per colmare questo divario digitale, ossia l’analfabetismo informatico, ha aggiunto Stanca, «il Governo ha già avviato una serie di iniziative, tra cui Vola Con Internet per favorire (con un bonus di 175 euro) l’acquisto di un Pc da parte dei giovani di 16 anni; Pc alle famiglie, con un bonus di 200 euro per ogni contribuente che nel 2002 ha avuto un reddito inferiore ai 15 mila euro; Pc ai docenti, per consentire il trasferimento agli insegnanti di acquistare Pc portatili per scopi didattici alle stesse condizioni vantaggiose che la Consip ottiene per gli acquisti delle pubbliche amministrazioni. Inoltre il Governo ha varato una legge, approvata di recente dal Parlamento all’unanimità, per facilitare l’accesso dei disabili alle nuove tecnologie informatiche e ad internet. Ed altre iniziative sono in cantiere per ridurre l’analfabetismo informatico del Paese», ha concluso Stanca.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore