Anche eBay non perde una nota

AccessoriWorkspace

Il mercato della musica digitale online vede scendere in campo anche il pioniere delle aste online. Ma le note digitali conquistano anche il CopyLeft

Grazie a un accordo con Passalong Networks, la regina delle aste online eBay non vuole rimanere nell’angolo, dopo la sfida a iTunes da parte di Msn Music, Sony Connect e gli altri big. L’acquisto su eBay dei brani musicali avverrà al prezzo, ormai canonico lanciato dalla Mela, di 99 centesimi di dollaro l’uno, attingendo a un ampio archivio comprendente alcune case discografiche tra le più note (Universal, Warner Music, Bmg). Il pagamento sarà poi possibile grazie al garantito sistema di transazioni online PayPal.La richiesta, da parte degli utenti dei portali legali di musica digitale, di una maggiore presenza di etichette discografiche indipendenti, in realtà non è rimasta inascoltata: iTunes sta cercando di espandersi in questo settore, ma soprattutto ci sono due new entry di tutto rispetto. Emusic punta ai gruppi emergenti e così si muove anche il più originale Easymusic che avrà anche una sezione dedicata al CopyLeft e alla filosofia della “Musica Libera”. Come il free software nell’informatica promette faville contro i cultori del copyrigyht in senso stretto.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore