Android Apps e Apple iPad a rischio sicurezza

CyberwarMarketingMobile OsMobilitySicurezza

Panda Security punta il dito contro iPad, il tablet multitouch di Apple, a rischio malware. Secondo SMobile Systems, un quinto delle applicazioni per Android espone dati privati

Secondo Dan Hoffman, chief technology officer presso SMobile Systems, un quinto delle applicazioni per Android espone dati privati: il 20% di circa 48,000 Web apps su Android Market permette alle applicazioni di terze parti di accedere a informazioni sensibili o private. Per esempio il 5% delle Web apps per Android può chiamare qualsiasi numero e il 2% può dare il permesso a un’app di inviare messaggi SMS a numeri premium a sovrapprezzo, all’insaputa dell’utente.

Panda Security invece punta il dito contro iPad, il tablet multitouch di Apple, a rischio malware.

Lo scorso anno, i laboratori di Panda avevano segnalato la presenza del worm iPhone/Eeeki, capace di colpire i dispositivi modificati dagli utenti (per riuscire a installare applicazioni non ufficiali). Questo codice era in grado di diffondersi anche su iPod Touch. Nonostante Apple abbia deciso di bloccare completamente l’hardware – rendendo impossibile installare periferiche – e il software, in quanto tutte le applicazioni si installano dall’App Store della casa produttrice, i cyber criminali hanno trovato un metodo per colpire i dispositivi manomessi.
Il malware progettato per iPhone ha la stessa capacità di attaccare e diffondersi sui dispositivi iPad, in quanto entrambi i prodotti possiedono il medesimo sistema operativo, noto come iPhone (v3) o iOS (v4) della prossima versione.

Luis Corrons, direttore tecnico dei laboratori di Panda Security, spiega “Tutto questo non significa che assisteremo a un’ondata di attacchi. Da sempre siamo consapevoli che la crescita nell’utilizzo dei dispositivi Apple avrebbe portato i cyber criminali a sviluppare un metodo per colpire gli utenti di queste piattaforme. Stiamo assistendo, senza dubbio, a numerosi tentativi “teorici”, quindi raccomandiamo agli utenti Apple di seguire le indicazioni del produttore per garantire la massima sicurezza ai propri sistemi operativi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore