Android e brevetti Java, il conto salato chiesto da Oracle a Google

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e FinanzaMobile OsMobilityNormativa
Google batte Oracle nel contezioso su Java e Android

Oracle detiene un portafoglio di 20 mila brevetti, di cui 7 mila frutto dell’acquisizione di Sun. Quanto chiede Oracle a Google per la violazione di 44 brevetti Java

Quarantaquattro brevetti minacciano Android, il primo sistema operativo del mercato smartphone. La “guerra dei brevetti” fra Oracle e Google entra nel vivo. Anche se Android è una piattafora open source e gratuita, Oracle è intenzionata a chiedere il conto a Google, e in particolare punta a una fetta del mercato dell’advertising mobile legato ad Android. Oracle ha esplicitato a quanto ammonterebbe il danno per la violazione dei brevetti: 6.1 miliardi di dollari, la cifra quasi pari a quanto sborsato da Oracle per sistemare gli ingenti debiti di Sun. Per Google, che fattura circa 30 miliardi di dollati all’anno, sarebbe un conto salatissimo. Negli ultimi anni Oracke ha ottenuto 1,3 miliardi di dollari da Sap per un’altra causa: Oracle non è nuova a queste richieste miliardarie contro i concorrenti.

Oracle ha “ereditato” i brevetti di Java dall’acquisizione di Sun Microsystems: Oracle detiene un portafoglio di 20 mila brevetti, di cui Sun ne ha portati in dote 7 mila; altri 1000 sono frutto delle acquisizioni di PeopleSoft, Siebel e Agile; in confronto, Google detiene solo 689 brevetti, e questo è il motivo per cui sta partecipando all’asta brevetti di Nortel.

A dare una svolta alle richieste di Oracle, è stata la scoperta da parte di Florian Müller, fondatore di No Software Patents, di linee di codice (“stesso pattern of direct copying”) nel codice Java di Google e in quello di Oracle sott’accusa. Nei mesi scorsi il fondatore di Java, ex di Sun, ha traslocato da Oracle a Google, tanto per rimarcare da che parte sta.

Java: 44 brevetti minacciano Android
Java: 44 brevetti minacciano Android
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore