Android M sta per Marshmallow

Mobile OsMobility
Android M sta per Marshmallow
4 0 Non ci sono commenti

A Lollipop seguirà Android M Marshmallow. È questo il nome scelto da Google per la prossima edizione di Android: in rigoroso ordine alfabetico, sempre declinato al gusto dolce

Dopo Gingerbread, KitKat e Lollipop, è l’ora dei Marshmallow. Android M sta per Marshmallow. È questo il nome scelto da Google per la prossima edizione di Android: in rigoroso ordine alfabetico, sempre declinato al gusto dolce.

Android M sta per Marshmallow
Android M sta per Marshmallow

Le funzionalità-chiave di Android M sono privacy, pagamenti mobili, performance e foto. Ecco una panoramica delle dieci caratteristiche di punta di Android M.

Google Foto: Google ha migliorato l’archiviazione, l’editing e la condivisione di foto su Android. Google Foto include le funzioni di editing, e l’opzione Assistant permette agli utenti di creare in automatico immagini animate, raccogliere gruppi di foto in collage e montare video a comporre una storia, aggiungere la musica: il tutto dall’app mobile di Google Photos. Con storage illimitato per archiviare, gratuitamente, foto (fino a 16 Mp) e video (1080p): uploaderà in automatico foto e video catturati con dispositivi Android su Google Drive.

Android M è pronto per la rivoluzione IoT. Google vuole porre rimedio,con Weave, il communications layer per IoT, multipiattaforma e con API per sviluppatori. Weave permette ai dispositivi con Project Brillo, agli smartphone e a internet di dialogare l’un con l’altro.

Google sposa l’autenticazione nativa delle impronte digitali. Così gli sviluppatori potranno aggiungere la funzionalità dello scanner delle impronti digitali alle loro apps.

Usb Type C (la porta per ricariche più veloci di telefoni e Pc) è uno dei punti di forza di Android M, il sistema operativo che estenderà anche la durata della batteria.

Google ha annunciato su Android M la funzionalità Doze, che intende migliorare l’autonomia degli smartphone.

Chrome Custom Tabs permetteranno accesso completo alle capacità di rendering di Chrome, oltre ai campi precompilati e alle password associate.

Google Now on Tap è una delle novità principali introdotte in Android M. Costituisce l’evoluzione dell’assistente vocale.

Il sistema di pagamento mobile Android Pay è una delle tre funzionalità principali su Android M.

Il nuovo sistema operativo Android M permetterà agli utenti un maggiore controllo sulle autorizzazioni e sui permessi concessi alle apps installate, per tutelare maggiormente la privacy.

Google ha infine assicurato che tante altre sorprese verranno svelate al debutto di Android M (Marshmallow) nel terzo trimestre.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore