Angry Birds, Ipo entro il 2015

AziendeMarketing
Angry Birds vale 9 miliardi di dollari

La quotazione avverrà senza fretta. I numeri del fenomeno globale “Angry Birds”, il gioco inventato da tre sviluppatori finlandesi

Gli “uccellini arravbbiati” di Angry Birds sono un fenomeno globale, grazie alle applicazioni per Android, Ovi Store, iPhone e iPad. Adesso l’azienda Rovio, che ha creato il gioco per smartphone e tablet, guarda al prossimo passaggio: la quotazione in Borsa entro 3-4 anni. Sulla scia del successo di RenRen (il primo social network cinese) e del ritorno del Nasdaq ai tempi del Web 2.0 (c’è grande attesa per l’Ipo di LinkedIn e, forse nel 2012, di Facebook), anche i produttori finlandesi di Angry Birds sperano in una quotazione da capogiro.

Il Ceo di Rovio Peter Vesterbacka stima che le vendite per il 2011 raggiungano i 50-100 milioni di euro, moltiplicando per 9 o 18 i 6.5 milioni di dollari nel 2010.

Dopo lo sbarco su Nokia Ovi Store, Angry Birds sarà presto disponibile anche su Blackberry e Windows Phone 7. Ecco i numeri della società di Espoo: 75 milioni di persone ogni giorno spendono 200 milioni di minuti (16 anni ogni ora) per uccidere dei maialini verdi lanciando i famosi uccellini-kamikaze Angry Birds; la versione “special edition” Angry Birds Rio ha raggiunto i 10 milioni di download in soli 10 giorni; Angry Birds è stato scaricato 100 milioni di volte in 10 mesi.

Angry Birds
Angry Birds
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore