CyberwarMarketingSicurezza

Torna Anonymous con il manuale dell’hacker

LulzSec
0 0 1 commento

Spunta in Rete un documento con collegamenti a risorse di hacking e contro-hacking. Dedicato, forse, a chi volesse raccogliere il testimone di LulzSec

Per un gruppo di hacker, LulzSec, che lascia il campo, c’è un Anonymous che torna in pista. A poche ore dal comunicato d’addio del gruppo di hacking che dice di aver generato il caos solo per 50 giorni, passando dall’hacking “per beffa” (e far ridere) all’hacking etico, oggi viene segnalato in Rete il manuale dell’hacker. Si tratta di un file di formazione sull’ “anti-cyber terrorismo” pubblicato – ironia della sorte- in allegato da FEMA.

Dando uno sguardo all’ISO ABC News ha scoperto che il documento contiene link a risorse di sicurezza ed hacking; liste di uffici dell’FBI negli Stati Uniti; come ottenere informazioni e garanzie da Internet Service Providers (Isp); numerosi strumenti di hacking e contro-hacking. I tool che il cyber attivista conosce e vuol rendere noti a tutti. Insomma, se LulzSec dice basta, non è ancora tempo di stop all’hacking. Per gli italiani, ricordiamo che è in download dalla sua pubbliucazione Kriptonite.

Nel frattempo Gizmodo riporta che un gruppo che si fa chiamare A-Team ha postato ciò che gli appartenenti al gruppo dicono essere i nomi, location, alias (e cioè i nickname) e perfino i familiari di LulzSec. Una notizia da prendere con le pinze, dopo la falsa pista del ragazzo 19enne. Anonymous nei mesi scorsi ha difeso WikiLeaks attaccando PayPal di eBay, Visa e Mastercard. LulzSec ha condotto attacchi Ddos contro Sony, CIA, Senato Usa, il partner dell’FBI Infragard, i broadcaster Fox e PBS, la polizia dell’Arizona e il colosso Usa della telefonia AT&T (solo per citare una frazione delle vittime degli attacchi di LulzSec in appena 50 giorni).

Anonymous
Anonymous
Resta connesso, iscriviti alle nostre newsletter gratuite!

Castigli Mirella, giornalista pubblicista. Dal 2000 ha collaborato con PC Magazine, Computer Idea, dal 2004 con VNUnet, dal 2007 ITespresso.it; con il progetto delle "Linee guida per la promozione della cittadinanza digitale: E-democracy", con il Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie. Libri pubblicati: "I motori di ricerca nel Caos della Rete" (ShaKe edizioni, 2000); "Mela Marcia" (Agenzia X, 2010); "Faccia da Web" (Reg. Toscana e Dip. della Gioventù della Pres. del Consiglio dei Ministri); "Zero Privacy" (Videa #InstantBook, 2014). Nel 2013 ha collaborato con DigiArte 2013 - 10th edition, dedicato ai Google Glass.

Seguici