Anticipazioni su Quake Wars

PCWorkspace

Il trailer è online: il gioco si avvantaggia di nuove caratteristiche
grafiche e resta uno dei titoli più attesi dell’anno

ID SOFTWARE STA pian piano diffondendo maggiori dettagli sul suo prossimo gioco sparatutto per PC, Enemy Territory: Quake Wars. Potrebbe non essere basato sulle DX10, ma resta uno dei titoli più attesi dell’anno. A questo link c’è un trailer con dei contenuti misti, come un’intervista con il team di ID e delle favolose anteprime del nuovo gioco che mostrano scene di combattimento. Il trailer intende stuzzicare l’appetito dei navigatori in attesa dell’uscita del gioco prevista per la metà di giugno. Todd Hollenshead, CEO di ID, ha dichiarato: ?Nvidia è stata la nostra piattaforma di sviluppo preferita durante il progetto di Enemy Territory: QUAKE Wars. Dal momento che gli sviluppatori non godono del privilegio di lavorare con del codice ottimizzato fino a che i giochi non sono pressoché finiti, le prestazioni e la stabilità delle GPU sono di importanza cruciale per un efficiente bilanciamento, sviluppo e test del gioco. Noi chiediamo la massima efficienza alle nostre schede video e la serie GeForce 8 è attualmente la scheda grafica più veloce disponibile per i giochi?. L’uomo-leggenda di ID John Carmack ha aggiunto: ?Da almeno un decennio a questa parte i prodotti di Nvidia sono stati il modello di riferimento per le caratteristiche che utilizziamo per sviluppare i nostri prodotti. Le prestazioni di massimo livello, abbinate al supporto di un’ampia gamma di caratteristiche che si appoggiano su deiver stabili, sono gli ingredienti di un’eccellente piattaforma per espandere le frontiere della grafica per giochi?. Allettante, vero? Come abbiamo già detto, nel gioco non aspettatevi di trovare funzionalità delle DX10; però ci sono delle nuove, straordinarie caratteristiche grafiche, comprese quelle che i ragazzi di ID chiamano ?magatexturing?, che significa eseguire il texturing di enormi aree con una sola grande texture che si avvantaggia delle generose configurazioni di memoria della maggior parte delle moderne schede grafiche.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore