Antitrust, Adobe porta Microsoft in tribunale

Autorità e normativeNormativa

Il colosso di Redmond vuole modificare Windows Vista e Office in risposta
alle accuse

Dopo Symantec, scesa sul piede di guerra contro Microsoft, un’altra blasonata software house si sente minacciata dall’upgrade di Windows Vista. Questa volta si tratta di Adobe, il colosso della grafica, che un anno fa acquisì Macromedia. Dopo mesi di trattative fallite tra Microsoft e Adobe, il gigante di Redmond si aspetta una causa antitrust. Il nuovo caso antitrust, secondo il Wall Street Journal, si aprirebbe in ambito Ue e avrebbe come tema portante l’uso della tecnologia Portable Document Format di Adobe. Microsoft ha però tirato fuori una contromossa unilaterale: verranno apportate modifiche a Office 2007 e Windows Vista, per rispondere alle accuse Antitrust, relative alla tecnologia Pdf, mosse da Adobe. Microsoft ha però preparato questa contromossa per evitare un’eventuale ingiunzione, che potrebbe rallentare l’uscita dei prossimni prodotti di punta, Vista e il nuovo Office, previsti e confermati per gennaio 2007. Tuttavia le modifiche da apportare sono importanti: Microsoft non spingerà il formato Xps come Pdf killer, ma lo userà più in fase di stampa, invece che nella visualizzazione. Sul versante Office, invece, una funzionalità consentirà di salvare un documento sia in formato Xps che Pdf. Adobe per ora non si accontenta e avrebbe affermato che Microsoft dovrebbe rimuovere questa applicazione per offrirla separatamente e a pagamento. Microsoft ha quindi detto sì alla separazione, ma no all’fferta a pagamento.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore